Home / #OltreUnipa / Per le aziende anche il latino fa curriculum, via alle certificazioni linguistiche
studenti.it

Per le aziende anche il latino fa curriculum, via alle certificazioni linguistiche

Adesso il latino nel curriculum diventa sinonimo di apertura mentale e cresce sempre di più il numero di giovani – ma anche di adulti – che cercano di ottenere un riconoscimento formale delle proprie competenze.

In questi giorni più di 750 persone – soprattutto studenti delle superiori – hanno affrontato in Lombardia il test per le certificazioni della lingua latina proprio come accade per i test di conoscenza dell’inglese ma anche del tedesco.

A dare vita all’iniziativa è la consulta dei professori universitari di latino (Cusl). In accordo con l’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’Ufficio scolastico regionale lombardo, l’ente ha dato vita a un test simile a quello degli esami “Cambridge Esol“, la più riconosciuta delle certificazioni della lingua inglese.

Il test si è tenuto in dieci sedi della regione lombarda: a Milano, in ben cinque licei diversi, a Bergamo, Brescia (nella sede distaccata della Cattolica), Como, Mantova, Pavia. I primi tre dei quattro livelli della certificazione (A1, A2 e B1) non richiedono test da tradurre, e la verifica della conoscenza degli studenti verrà effettuata attraverso esercizi che serviranno a dimostrare di aver capito o meno un testo: trasformare delle frasi da una forma linguistica a un’altra (tipo dall’attivo al passivo), completare i buchi di un testo con le parole giuste e rispondere alla tipologia di domande vero/falso. Diverso invece il discorso per il livello più avanzato (B2), dove è prevista anche una traduzione.

Riguardo Clarissa Caramanno

Clarissa Caramanno

Leggi anche

Hofburg - Ph. Erika Giannusa

Studiare e vivere a Vienna: informazioni utili

Studiare a Vienna, consigli e informazioni per chi vuole andare a studiare nella capitale austriaca

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *