Home / #OltreUnipa / Un Parco astronomico sulle Madonie. Si inaugura domenica 11 settembre
poloastronomico

Un Parco astronomico sulle Madonie. Si inaugura domenica 11 settembre

Un grande polo astronomico di importanza mondiale in un piccolo paese in provincia di Palermo.

Questo sarà il Gal Hassin che verrà inaugurato, domenica 11 settembre, a Isnello, un paese di mille500 abitanti nel cuore del parco delle Madonie che, da anni, è il punto di riferimento per l’Agenzia spaziale italiana.

Il Gal Hassin – che prende il nome che anticamente era stato del paese stesso e che significa “fiume freddo” – si trova in contrada Fontana Mitri, appena fuori dal centro abitato. Un territorio ricco di acqua, di chiese e di storia che è stato scelto dagli astronomi soprattutto per le sue condizioni metereologiche particolarmente favorevoli.

Secondo gli studiosi, infatti, ogni anno un terzo delle notti sono fotometriche – cioè il cielo è sereno per almeno sei ore consecutive – e, inoltre, l’assenza di fonti luminose notturne consente una visione ancora più limpida del cielo. Sono queste le caratteristiche che hanno permesso la nascita dell’idea di un osservatorio sul monte Mufara, a 1.865 metri di altezza, in località Piano Battaglia che è anche una delle più apprezzate stazioni sciistiche siciliane.

Fra non più di due anni, quando il progetto Gal Hassin sarà completato, uno dei sogni coltivati da Margherita Hack diventerà realtà: sul monte Mufara ci sarà un telescopio gigante della classe un metro, strumento innovativo che permetterà all’Agenzia spaziale di dare la caccia agli asteroidi pericolosamente vicini alla terra e di osservare i cosiddetti detriti spaziali.

Intanto, domenica prossima 11 settembre 2016 si inaura il polo che avrà anche una destinazione didattica e divulgativa. Scuole e pubblico potranno visitare un grande planetario digitale dal diametro di dieci metri, una terrazza osservativa con copertura mobile dove sono montati 12 potenti strumenti di osservazione, un radiotelescopio con una parabola di oltre 2 metri, un laboratorio astronomico all’aperto con orologi solari di vario tipo, un mappamondo monumentale con supporto e asse di rotazione e un laboratorio solare in cui, tramite un eliostato, potrà essere proiettato su uno schermo il disco solare in tempo reale per la sua analisi. Fanno parte del centro anche sale con exibit interattivi di vario tipo, due aule didattiche e una esposizione di meteoriti.

L’idea è quella di fare di questa struttura – per la quale sono stati investiti 13 milioni di euro dal 2009 a oggi – un centro di interesse internazionale che, partendo dall’astronomia, aiuti lo sviluppo del territorio. È anche per questo che, a servizio del centro è stata realizzata una struttura ricettiva da 60 posti per chiunque abbia voglia di visitare il polo astronomico.

Fra l’altro, nel 2009, l’Unione astronomica internazionale diede il nome Isnello all’asteroide 6168 tra Marte e Giove e, due anni fa, chiamò Pinomogavero – nome e cognome del sindaco che ha voluto il progetto del polo – l’asteroide 4627 scoperto nel 1985.

Riguardo Marta Silvestre

Marta Silvestre
Laureata in Scienze filosofiche presso l’Università Roma Tre, ho frequentato la Scuola di Giornalismo Lelio e Lisli Basso - “Inchieste, questioni internazionali, ambiente e beni comuni”. La passione per il giornalismo nasce dalla volontà di poter dar voce a realtà altrimenti destinate a rimanere non raccontate. Ho maturato esperienze di lavoro come redattrice di vari giornali locali, raccontando in particolare vicende legate ai temi di mafia e antimafia. Durante l’ultimo anno ho svolto un tirocinio presso la redazione di cronaca e giudiziaria dell’agenzia di stampa AdnKronos e uno stage nella redazione di Sky Tg24. Attualmente collaboro anche con Italpress e Meridionews.

Leggi anche

Hofburg - Ph. Erika Giannusa

Studiare e vivere a Vienna: informazioni utili

Studiare a Vienna, consigli e informazioni per chi vuole andare a studiare nella capitale austriaca

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *