Home / #CampusLife / Parcheggio a pagamento all’Università: nasce il comitato NoUniparking
parcheggio

Parcheggio a pagamento all’Università: nasce il comitato NoUniparking

Da pochi giorni ha preso vita il comitato “NoUniparking” costituito da studenti, docenti e personale tecnico dell’Università degli Studi di Palermo. E’ già andata in scena la prima protesta: un flash mob con tanto di multe finte e decurtazioni di Cfu per le auto parcheggiate all’interno della cittadella universitaria.

“Nasce per opporsi all’introduzione del parcheggio a pagamento dentro la Cittadella di Viale delle Scienze. – Si legge nel comunicato stampa diramato dai promotori-  E’ un comitato aperto, senza loghi nè bandierine, accessibile a chiunque voglia aderirvi per unirsi ad una mobilitazione che non può di certo più essere rimandata. In questi giorni si stanno realizzando le prove generali– denunciano i promotori- che precedono l’attivazione definitiva del parcheggio, che presumibilmente prenderà il via entro il mese di agosto. Questa vergogna, nata nel 2009, rischia di costringere migliaia di studenti, docenti e dipendenti dell’Università a pagare un obolo parecchio salato (fino a 300€) per potere entrare attraverso i cancelli di Viale delle Scienze. L’intero introito di quest’operazione andrà totalmente nelle casse di soggetti privati che acquisiranno incassi milionari in cambio di un servizio mal organizzato e che oggi non serve di certo ad una Cittadella che, purtroppo, si svuota anno dopo anno di studenti e personale.”

La richiesta dei promotori è chiara: abbonamenti illimitati per studenti, docenti e personale tecnico, senza alcuna restrizione di posti. 
Proprio in questi giorni nonostante le polemiche sono partite le prime prove del parcheggio a pagamento ma per gli studenti è il preludio di una tragedia già annunciata. “E’ stupido pensare– commentano- di svolgere un monitoraggio dei flussi nel mese di luglio, quando la Cittadella è totalmente svuotata delle persone che ogni giorno la frequentano; e nonostante questo le coda di macchina già arriva fino a piazza Indipendenza. Introdurre il servizio a regime nel mese di settembre alimenterà un caos in tutte le zone limitrofe della città a Viale delle Scienze. Ci sembra a tal proposito assurdo come un Ateneo che si vanta ogni giorno di essere inserita in un percorso insieme al Comune di Palermo per fare diventare la nostra una “Città Universitaria”, getti nel caos il sistema di viabilità cittadina e universitaria per avvantaggiare dei privati nel loro business”.

Abbonamenti illimitati e interlocuzioni serie e trasparenti– concludono i promotori – sono due elementi senza cui l’attivazione di questo parcheggio risulterà totalmente inaccettabile per tutti i rappresentanti della comunità accademica. Chiediamo immediate e chiare risposte al rettore e all’amministrazione o quello di oggi sarà solo il primo episodio di una stagione di mobilitazioni contro l’applicazione di questo vergognoso provvedimento”.

Intanto il rettore Fabrizio Micari in una lettera indirizzata agli studenti e a tutto il personale dell’Ateneo ha voluto fare chiarezza sulla situazione attuale, sulle attività svolte da questa Amministrazione e sulle prospettive future sulla questione del parcheggio a pagamento all’interno del Campus di Viale delle Scienze.

Riguardo Angelo Casano

Angelo Casano
Nato a Pantelleria il 12-11-1991, studente presso il corso di laurea in medicina e chirurgia dove ha ricoperto la carica di rappresentante del corso di studi. Scrive anche per il blog www.agorapnl.it e www.infouni.it

Leggi anche

edificioersu

Chiarimenti sul servizio abitativo ERSU a.a. 2019/20

L’Ersu informa che si riscontrano delle domande frequenti relativamente al servizio abitativo offerto dall’ente e …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *