Home / #ErsuCultura / Palermo vista dall’alto, una passeggiata su tetti e campanili
Immagine tratta da lalapa.it
Immagine tratta da lalapa.it

Palermo vista dall’alto, una passeggiata su tetti e campanili

Un’occasione per conoscere le bellezze di Palermo in notturna tramite una suggestiva ed esclusiva visita serale del centro storico. La Sicily Emotional Tour dà l’opportunità di visitare due luoghi panoramici di grande fascino, quali i tetti della splendida Cattedrale normanna e il Campanile della Chiesa di San Giuseppe Cafasso, occasionalmente aperti la sera di sabato 1 agosto.

Foto tratta da sicilyemotionaltour.it
Foto tratta da sicilyemotionaltour.it

Accompagnati da una guida turistica autorizzata, si avrà la possibilità non solo di ammirare la città dall’alto godendo di una visione notturna mozzafiato, ma anche di conoscere la storia di alcuni edifici del centro storico poco conosciuti, come l’ex Ospedale di San Giacomo e la Casa Maria Santissima delle Abbandonate, istituto che si occupava di allontanare dalla strada le meretrici. L’evento, previsto per le ore 20:15, avrà una durata di circa 2 ore e mezza e prevedere una quota di partecipazione di 12 euro, compreso di visita guidata e ticket di ingresso ai monumenti. La prenotazione all’evento è obbligatoria e deve essere effettuata entro il 29 luglio.
Il tour, che partirà da via dei benedettini 16, si svolgerà al raggiungimento di un minimo di 15 partecipanti e possiede un numero di posti limitati.

Per informazioni e prenotazioni: info@sicilyemotionaltour.com, Cell. 3276678054

E’ possibile, inoltre, consultare l’ evento Facebook.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

qNNTOvZr

Il Quartetto Werther a Palermo per gli Amici della Musica

L’Associazione Siciliana Amici della Musica prosegue la sua stagione concertistica con un appuntamento che vede protagonista un giovane quartetto italiano. Lunedì 3 febbraio alle 17.15, sul palcoscenico del Politeama Garibaldi di Palermo, si esibirà il Quartetto Werther, formazione composta da Misia Jannoni Sebastianini al violino, Martina Santarone alla viola, Simone Chiominto al violoncello e Antonino Fiumara al pianoforte. Il programma prevede alcune raffinate pagine del repertorio cameristico, come l'opera 16 di Beethoven, di cui si commemora il 250°anniversario; il quartetto op 47 di Schumann e infine di Aron Copland il quartetto per pianoforte e archi, scritto dal compositore statunitense nel 1950.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *