Home / #IoDicoLaMia / Da Palermo un sondaggio europeo sulla percezione dei fenomeni migratori
refugee-youth-image

Da Palermo un sondaggio europeo sulla percezione dei fenomeni migratori

I fenomeni migratori sono, indubbiamente, tra le realtà di maggiore impatto ed attualità della nostra epoca, dalle mille e complesse implicazioni e con cui l’intera Europa è chiamata a confrontarsi con sempre maggiore coscienza.

Il progetto NECMA (New Forms of European Citizenship in Migration Era), promosso da una rete di ben 17 fra organizzazioni non governative ed associazioni da 16 diversi paesi europei, coordinato dalla Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone” e finanziato dal programma comunitario Europa per i Cittadini, mira a esplorare come i fenomeni migratori influenzano la società civile europea in termini di nuove esperienze di impegno civico e cittadinanza attiva.

In apertura il progetto è accompagnato dal lancio di un sondaggio (rivolto ai tutti i cittadini dei paesi partecipanti: Albania, Belgio, Bulgaria, Croazia, Italia, Lettonia, Malta, Macedonia, Germania, Grecia, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Spagna) sulla percezione dei fenomeni migratori .

Obiettivo dell’indagine, elaborata dalle Università di Palermo e di Valmiera (Lituania), è quello di approfondire la conoscenza di come gli europei percepiscano i migranti, se gli stessi possano divenire vittime della criminalità organizzata e come prevenire e contrastare gli abusi, puntando su un ruolo attivo dei cittadini e del volontariato per una società inclusiva e solidale nella legalità.

La consultazione resterà aperta a tutti per due mesi.

Per partecipare basta visitare la pagina del sondaggio NECMA sulla percezione dei fenomeni migratori in Europa

Riguardo Gaia Butticè

Leggi anche

Franco-Rivolli-foto

#IO RESTO A CASA. I consigli ai giovani colleghi di una studentessa di psicologia

Dopo le ultime norme antivirus si diffonde sulla rete la campagna social #iorestoacasa. La collaborazione della popolazione in questo momento è fondamentale, tutti possiamo fare la nostra parte restando comodamente seduti sul divano e chissà che questo non possa essere un momento produttivo per molti di noi. Vediamola come un’occasione per prendere una pausa dalla vita frenetica che conduciamo ogni giorno. C’è chi avrà finalmente il tempo di leggere quel famoso libro rimasto a prendere polvere sulla mensola del salotto e chi, inventando ogni giorno qualcosa di nuovo da fare a casa, potrà scoprire una passione nascosta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *