Home / #Ambiente / Palermo riscopre il parco della Favorita
parco-della-favorita

Palermo riscopre il parco della Favorita

Per i palermitani la Favorita è un punto di passaggio obbligato, soprattutto per chi intende raggiungere la più vicina località balneare di Mondello.

Eppure la Favorita, o Real tenuta della Favorita, è uno dei polmoni verdi della città, da anni  trascurato e lasciato al visibile degrado.

Il parco si estende ai piedi di Monte Pellegrino ed è stato fortemente voluto da Ferdinando III di Borbone, spinto a lasciare Napoli dalla Rivoluzione Partenopea negli ultimi anni del 1700. Originariamente comprendente 400 ettari, oggi la riserva fa parte della Riserva Naturale Orientata Regionale “Monte Pellegrino”, estesa su 1020 ettari, istituita dalla Regione Siciliana negli anni ’90.

Il Comune di Palermo riconosce, oggi, l’importanza e la bellezza della riserva, riportandola in auge grazie a un imponente lavoro di ristrutturazione e pulizia. I lavori di manutenzione sono iniziati tre settimane fa, portati avanti dagli operai del Comune  e delle aziende partecipate, ripulendo un’area di 250 metri quadrati. L’opera di pulitura ha interessato la tinteggiatura delle staccionate in legno, la manutenzione delle aree non illuminate, il posizionamento della segnaletica stradale.

L’Assessore predisposto all’area del Verde e della Vivibilità urbana, Sergio Marino, non esclude anche la chiusura del parco nei fine settimana, per un migliore mantenimento della zona. Ma sono ancora tanti gli interventi di miglioramento da adottare.

Di seguito l’opuscolo contenente la descrizione dei lavori:

Opuscolo dei Lavori della Favorita

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

Mother breastfeeding child

Allattare, le ragioni spiegate alle giovani donne in 60 secondi

Il latte materno non è solamente il miglior alimento possibile per ogni neonato, ma è …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *