Home / #Mondo / Da Palermo a Pechino col Pandino. La “folle idea” di tre giovani siciliani
pandino

Da Palermo a Pechino col Pandino. La “folle idea” di tre giovani siciliani

Da Palermo a Pechino, sembrerebbe il titolo di un film, invece, è il viaggio che si apprestano ad affrontare tre giovani siciliani. Giovanni Cipolla, ingegnere chimico di Aragona, Francesco Ponzio, ingegnere nucleare di Pantelleria e Silvia Calcavecchio di Palermo. Poche valigie, il minimo indispensabile, macchine fotografiche al collo a bordo di un vecchio pandino. Una idea folle nata quasi per gioco una notte alla Taverna Azzurra, il locale della “Vucciria” centro della movida universitaria.

Da Novembre- racconta Francesco Ponzio- stiamo progettando il nostro viaggio. Non è stato facile, ma alla fine pare che siamo arrivati agli ultimi preparativi. Il 20 Luglio da Palermo partiamo alla volta di Pechino”. Da Palermo sino alla Puglia, da li in Grecia per poi attraversare la Turchia, la Gerogia, sino alla Mongolia. “Abbiamo stimato che il solo viaggio di andata ci costerà all’incirca intorno ai 4 mila euro– racconta Francesco- non ci importa, a noi piace pensare che questo è un modo per portare un pò della nostra Palermo, capitale della cultura, in giro per il mondo. Se devo essere sincero al ritorno non ci abbiamo ancora pensato”.

Appena due giorni fa è nato un profilo istagram A_Pechino_col_pandino, dove i giovani siciliani racconteranno tappa per tappa la loro avventura. Più di 15 mila chilometri passando per almeno una decina di Stati. In soli due giorni il profilo social ha registrato più di 200 mila interazioni e 44 mila follwers a testimonianza del grande sostegno e della curiosità che ruota attorno a questo inusuale viaggio.

Riguardo Angelo Casano

Angelo Casano
Nato a Pantelleria il 12-11-1991, studente presso il corso di laurea in medicina e chirurgia dove ha ricoperto la carica di rappresentante del corso di studi. Scrive anche per il blog www.agorapnl.it e www.infouni.it

Check Also

Chanukkah

Giovedì 6 dicembre, Chanukkah allo Steri

La prima sera della festa ebraica del Chanukkah si accende un lume su un candelabro speciale a nove bracci, e ogni sera, per otto giorni, se ne aggiunge uno in più, fino a che l’ottava sera si accendono otto lumi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *