Home / #Mondo / Palermo onTour, la nuova app per visitare Palermo

Palermo onTour, la nuova app per visitare Palermo

Palermo onTour è l’app che permette di pianificare itinerari turistici, culturali e artistici all’interno della città di Palermo. L’applicazione per smartphone, creata da Push, comprende la mappa, gli indirizzi e le relative distanze dei luoghi da visitare, oltre agli orari di apertura, costo dei biglietti d’ingresso e contatti utili. Per ogni luogo d’interesse è presente una scheda informativa, ricca di curiosità per una fruizione completa dei luoghi da visitare e tips per arricchire la visita in città.

tratto da play.google.com
tratto da play.google.com

L’aspetto da non sottovalutare è che pianifica il tour della città in base al proprio tempo a disposizione. Push è un laboratorio di innovazione urbana, che ricerca e propone soluzioni creative e tecnologiche per l’innovazione sociale, premiato dal Google Developers Group Sicilia e dallo Smau. Infatti, grazie a questa nuova app, l’11 maggio scorso è stato considerato il miglior progetto legato al turismo, collocandosi al primo posto alla prima edizione dell’ Android App Festival, svoltasi a Santo Stefano di Camastra (ME). Dopo il successo di Palermo onTour, Push presenta Open Tour, altra applicazione per smartphone, lanciata in esclusiva a Milano in occasione di EXPO grazie alla collaborazione col Comune di Milano, che permette di creare degli itinerari su misura sfruttando gli Open Data. La nuova app indica sempre un itinerario completo con punto di partenza, interessi, mezzo di trasporto e tempo a disposizione. Pensando inoltre ai turisti che spesso non dispongono di una connessione internet all’estero, le app sono disponibili anche in inglese e funzionano perfettamente offline. Attualmente disponibili per dispositivi Android, è già scaricabili gratuitamente su Play Store. Una buona opportunità per muoversi con facilità nel territorio, scoprendo i luoghi più interessanti da visitare a portata di mano.

Riguardo Alessandra La Marca

Alessandra La Marca

Leggi anche

eso1917a

Dalla collisione tra stelle di neutroni l’identificazione di un elemento pesante

Per la prima volta si vede nello spazio, grazie a osservazioni con i telescopi dell'ESO, uno degli elementi usati nei fuochi d'artificio, appena creato

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *