Home / #ErsuCultura / Palermo capitale italiana della cultura 2018. Cosa significa?
Immagine tratta dal sito ufficiale del comune di Palermo
Immagine tratta dal sito ufficiale del comune di Palermo

Palermo capitale italiana della cultura 2018. Cosa significa?

Il 31 gennaio 2017 Palermo è stata designata capitale italiana della cultura per l’anno 2018.

Ma che cosa si intende per capitale italiana della cultura e quando nasce l’assegnazione di questo titolo?

Per capitale italiana della cultura si intende una città indicata annualmente dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e scelta da una commissione di sette esperti nominata dallo stesso ministero. La città designata, per il periodo di un anno, viene incoraggiata e valorizzata sul piano culturale.

Si tratta di un riconoscimento recente, nato nel 2014, in seguito all’introduzione del cosiddetto Art bonus, un credito di imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo.

Foto della cattedrale di Palermo
Foto della cattedrale di Palermo

In Europa l’iniziativa di eleggere la “città della cultura” viene lanciata il 13 giugno 1985 dal Consiglio dei ministri su proposta di Melina Merkouri, allora ministro della cultura nel governo greco. Nel 1985 fu proprio la città di Atene ad essere eletta città europea della cultura e a partire da quell’anno molte altre città si sono contese il titolo.

L’iniziativa ha avuto un impatto culturale e socio-economico così forte che ha portato nel 1999 a sostituire il termine “città” con quello di “capitale” proprio per sottolineare il carattere internazionale e prestigioso del titolo. A partire dal 2009 e in seguito alla Decisione 649/2005/CE, la designazione va alle città di due Stati membri (tre in casi eccezionali), permettendo ai nuovi paesi comunitari di partecipare al programma.

L’anno seguente con la Decisione 1622/2006/CE la procedura di selezione viene nuovamente modificata perché prevede, a partire dal 2013, una competizione tra le città del paese ospitante. Nel 2014 Matera viene, infatti, designata capitale europea della cultura per l’anno 2019 battendo altre cinque città italiane: Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena.

Foto tratta dal sito http://www.turismomatera.it/
Foto tratta dal sito http://www.turismomatera.it/

Proprio in seguito a questo evento e all’introduzione dell’Art bonus nel 2014, l’anno successivo viene lanciato in Italia un programma culturale sulla scia di quello europeo che prende in nome di “Capitale italiana della cultura” e che assegna il titolo proprio alle cinque città italiane che erano state “battute” da Matera.

Il titolo italiano è stato poi assegnato a Mantova (2016), a Pistoia (2017) e a Palermo (2018).

Riguardo Valeria Cannizzaro

Valeria Cannizzaro
Sono nata a Palermo nel 1992. Sono laureata in lingue, ho un master in Global Marketing e uno in Business Administration. Sono appassionata di eventi culturali, di libri e di cinema.

Leggi anche

Foto Landi Sacco

Prometeo, il mito del Fuoco. Appuntamento al Teatro Antico di Segesta domenica 1 settembre

La performance “Prometeo, il mito del Fuoco” in scena al Teatro Antico di Segesta. Per la manifestazione “Dionisiache - Calatafimi Segesta Festival”. Domenica 1 settembre ore 19.45

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *