Home / #OltreUnipa / A Palermo la staffetta internazionale per la pace
atleti

A Palermo la staffetta internazionale per la pace

Provengono da oltre 30 nazioni i membri del team Pace Run e gli atleti che martedì 29 dicembre hanno portato le fiaccole della pace in giro per Palermo con due staffette. Fondata nel 1987 la Peace Run è una corsa podistica che si svolge in oltre 100 nazioni per diffondere un messaggio di pace e armonia attraverso le staffette che, dopo aver attraversato i continenti, convergono a New York, dove si tiene la cerimonia conclusiva nei pressi della sede delle Nazioni Unite. La fiaccola della Peace Run negli anni è stata accolta da molte personalità, come i premi Nobel Madre Teresa, Nelson Mandela, Desmond Tutu, Mikhail Gorbachev, oltre a Giovanni Paolo II, Papa Francesco Bergoglio, personalità del mondo dello sport come Carl Lewis e istituzionali come il Presidente della Conferenza Generale dell’UNESCO Dott. Davidson Hepburn e numerosi capi di stato e primi ministri. La filosofia alla base dell’iniziativa è riassunta dalle parole dello stesso fondatore Sri Chinmoy: “La pace non consiste nell’assenza di guerra. La pace è presenza di armonia, amore, unità e soddisfazione nella famiglia umana”  .

La prima staffetta è partita da Isola delle Femmine
La prima staffetta è partita da Isola delle Femmine

Patrocinata dal Comune di Palermo e di Isola delle Femmine, dal Corpo Consolare di Palermo, dal Consolato Onorario di Polonia e di Capo Verde, l’iniziativa si è svolta in collaborazione con le Associazioni Libera, ASD Scuola di Atletica Berradi 91, il Centro di Accoglienza Padre Nostro, La Consulta delle Culture e con la preziosa collaborazione tecnica del campione Rachid Berradi. Giorno 29 dicembre la prima staffetta è partita da Isola delle Femmine, presso il Monumento Strage di Capaci – Falcone e scorta alle 8,30 e ha fatto la prima tappa nella piazza antistante il Municipio, dove è stata accolta dalle autorità e dai cittadini; i tedofori hanno poi proseguito alla volta dello Z.E.N., che hanno raggiunto intorno alle 10.00 per un evento che ha coinvolto i cittadini e le associazioni del Terzo Settore che operano nell’area tra le quali Handala, Zen Insieme, Bati Batik, Lievito e durante la cerimonia è stato piantumato un ulivo dedicato alla pace.

La staffetta ha poi continuato verso il centro storico, passando da via D’Amelio alle ore 11.25 e dove ha sostato per osservare un minuto di silenzio, prima di proseguire alla volta dell’associazione Libera per un incontro con gli operatori. Il punto di ritrovo per tutti i corridori è stato dinanzi al Teatro Massimo alle ore 12.15 per fare l’ultimo tratto tutti insieme con il passaggio dalla Moschea, dalla Cattedrale e presso il Centro Santa Chiara. Tappa finale è stato il Giardino dei Giusti, dove alle 13.30 si sono unite le due staffette. Ad accogliere i tedofori e il presidente della Peace Run International Salil Wilson sono stati il sindaco Leoluca Orlando, il Decano del Corpo Consolare di Palermo Dr. Salvatore De Luca Console Onorario dei Paesi Bassi e Console Onorario della Svezia. Durante la cerimonia è stato piantumato un albero in onore del fondatore della Paece Run Sri Chinmoy ed è stataapposta una targa commemorativa.

pace1La seconda staffetta è invece partirà alle 9,00 da Piazzale Anita Garibaldi (luogo dell’omicidio di Don Pino Puglisi) e ha fatto tappa presso il Centro di Accoglienza Padre Nostro, per poi proseguire verso la Missione di Speranza e Carità. Dalla sede della Missione è stato proprio Fratel Biagio Conte a portare la fiaccola sino al Giardino dei Giusti. La giornata si è conclusa con un Concerto per la Pace dal titolo Harmonia Caeli, presso la Chiesa di Santa Maria della Catena.

La Sicilia ha dimostrato di avere un cuore generoso e una grande sensibilità a tutti i livelli”, ha dichiarato Alfredo De Joannon, presidente della Peace Run Italia, “cittadini, associazioni sportive, cariche istituzionali e operatori del Terzo Settore hanno collaborato con passione, dimostrando che la pace può diffondersi se cominciamo da noi stessi cercando di coltivarla personalmente”.

Riguardo Eliseo Davì

Eliseo Davì
Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola" e ho collaborato con "L'ora". E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.

Leggi anche

Hofburg - Ph. Erika Giannusa

Studiare e vivere a Vienna: informazioni utili

Studiare a Vienna, consigli e informazioni per chi vuole andare a studiare nella capitale austriaca

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *