Home / #ErsuCultura / Palermo al tempo dei social, le foto di Gianfranco Spatola
libro "Palermo...Social Network"
libro "Palermo...Social Network"

Palermo al tempo dei social, le foto di Gianfranco Spatola

Presso la prestigiosa libreria Novecento, non nuova a eventi culturali e ospiti illustri, nel pomeriggio del 15 aprile, Gianfranco Spatola, medico e fotografo palermitano, ha presentato il suo libro “Palermo… Social Network”.

Una raccolta di scatti tutti palermitani che l’autore ha voluto selezionare coinvolgendo i suoi follower su Instagram.
Ha curato la prefazione del libro Aldo Gerbino, docente dell’Università di Palermo e critico d’arte, che ha introdotto gli ospiti nel mondo della fotografia dell’autore anticipandone tematiche e scopi.

Che oggi la fotografia sia diventata essenziale per la comunicazione è un dato di fatto, che sia cambiato anche il modo di fare fotografia e la fruizione della stessa ce ne rendiamo conto giornalmente. L’immediatezza è il principio da rispettare, e se poi il fotografo riesce a introdurvi la propria sensibilità e un obiettivo sociale, la fotografia ha raggiunto lo scopo per cui nasce.

«Queste che vediamo oggi non sono foto consolatorie – dice Aldo Gerbino, scusandosi di ipercritica – non sono le foto solamente belle e rassicuranti che portano fuori dalla realtà sociale e che possono fuorviare».

Gianfranco Spatola, infatti, con fredda lucidità mostra Palermo in tutte le sue facce, comprese (e soprattutto) quelle non idilliache. Sono presenti le macerie, la malinconia e la nostalgia. C’è la denuncia, che è quasi cronaca, ed emerge chiaramente il punto di vista di un fotografo nato a Palermo che non manca di raccontare la città vera, senza mediazione, senza filtri e non nascondendosi dietro false consolazioni.

libro "Palermo...Social Network"

 

Emerge la verità estrema e i momenti reali che diventano denuncia. Quasi un monito per riflettere e migliorare la nostra società, laddove ovviamente si possa intervenire.

«Sono palermitano e mi sono ritrovato qualche tempo fa a non riuscire più a fotografare la mia città: l’avevo troppo sotto gli occhi e non vedevo più la realtà fotografica di Palermo – dice Spatola – E allora mi è venuto in aiuto un social network, ho scoperto Instagram, che nonostante sia un social e dunque effimero, in realtà se utilizzato in un certo modo può diventare un buon mezzo per mostrare i propri lavori, farsi conoscere e apprezzare nel mondo».

libro "Palermo...Social Network"

È così, infatti, che è nato il libro: Gianfranco Spatola ha dapprima selezionato il pubblico che doveva vedere le sue foto, si è iniziato a formare un corpus sempre più vasto, poi ridotto; le foto sono state scelte dai suoi follower, e quindi, un insieme di giudizi e di punti di vista raccolti hanno portato alla costruzione del libro “Palermo… Social Network”.

Un libro fotografico creato insieme, dunque, che nell’era della velocità e della visione rapida, e a volte distratta, ha voluto coinvolgere sia chi vive Palermo sia chi la guarda dall’esterno non conoscendola. Un lavoro frutto di sapiente riflessione, di cronaca e ingegno che è stato apprezzato dai presenti.

Al termine della presentazione gli ospiti sono stati coinvolti nella degustazione di vini biodinamici che come le fotografie di Gianfranco Spatola non sono soggetti a ritocchi e a mediazioni, ma sono puri e reali. È stato Massimiliano Montes, che si occupa per passione di vino naturale, a introdurre i vini di Porta del Vento, piccola azienda di Camporeale di Marco Sferlazzo.

La serata si è conclusa in modo conviviale, ammirando la selezione di foto esposte presso la libreria Novecento che ha incastonato, da perfetta cornice, gli scatti storici di Palermo ai tempi dei social network.

 

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Check Also

La tempesta_Carpentieri_Andò

Magia e illusioni al Teatro Biondo con La tempesta di Shakespeare

Da giorno 7 al 16 dicembre il Teatro Biondo di Palermo mette in scena La tempesta, l'ultimo grande capolavoro di William Shakespeare in un'interpretazione e rilettura di Roberto Andò.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *