Home / #FLMPa / “Orizzonti migranti”. Veleggiata per la sensibilizzazione e l’accoglienza
FLM 2016, Veleggiata

“Orizzonti migranti”. Veleggiata per la sensibilizzazione e l’accoglienza

Sabato 15 ottobre si è svolta alla Cala una veleggiata di sensibilizzazione per l’accoglienza, organizzata dalla Lega Navale Palermo Centro e dalla Soprintendenza del mare, a cui hanno partecipato i ragazzi del Centro Astalli. L’iniziativa, dal titolo “Orizzonti migranti“, è da inquadrarsi all’interno della sezione “Terre promesse“. Sono stati intervistati dalla redazione di IoStudio Alessandra De Caro (responsabile delle attività di valorizzazione e promozione del patrimonio culturale sommerso, Soprintendenza del mare) e Giuseppe Tisci (presidente Lega Navale Italiana Palermo Centro).

Alessandra De Caro ha così mostrato la decisione di prendere parte alla realizzazione del Festival delle Letterature Migranti: “Quando il Comune ci ha chiesto di collaborare per il Festival, è venuto spontaneo presentare un programma comune con la lega navale. Abbiamo quindi deciso di fare un primo incontro in cui parlare di letteratura e di migrazione, non solo in Sicilia ma anche in Tunisia, a Palazzo Mirto, una delle nostre sedi istituzionali con le bellissime parole della poetessa Lentini. Oggi, abbiamo riproposto un altro incontro nella sede della Lega Navale e abbiamo pensato che sarebbe stato bello se, da terra, le parole di cui abbiamo parlato, i concetti e i viaggi fatti durante il primo incontro, viaggiassero attraverso il mare, senza confini. In particolare, noi oggi veleggeremo e porteremo con noi gli striscioni di alcune delle frasi che sono state scelte e che, credo, non abbiano nessun bisogno di spiegazione. Vanno lette, assaporate, e ognuno poi le porterà nel suo cuore. Per noi è solo l’ennesima espressione della volontà di lavorare insieme e conferma che quando c’è il mare di mezzo e gli scopi sono comuni, abbiamo tutti solo la voglia che questo mare continui a non essere nè rosso e nè nero ma blu. Quello che desideriamo è continuare a lavorare con queste belle realtà. Quando ci sono dei buoni equipaggi, si deve avere la sensibilità di farne parte”.

Giuseppe Tisci ha, quindi, illustrato il fine dell’iniziativa: “Giovedì abbiamo aperto le nostre attività a Palazzo Mirto e oggi siamo qui, al polo delle attività sociali “Oltre le barriere”, per una veleggiata di sensibilizzazione con i ragazzi richiedenti asilo del Centro Astalli e saremo accompagnati anche da alcuni striscioni con gli aforismi di Fabrizio Caramagna presenti in ogni barca. Questa iniziativa vuole essere una sensibilizzazione all’accoglienza e a sfruttare le potenzialità e le risorse di tutti i popoli e di tutte le persone. Le nostre attività sociali lo permettono perchè la barca a vela, e la vela in genere, è un qualcosa che unisce, un qualcosa che permette a tutti di esprimere il proprio potenziale. Un’uscita con questi ragazzi che magari sono arrivati con delle barche in condizioni sicuramente diverse, che ovviamente non erano a vela e quindi non c’era niente di sportivo, ma che oggi escono contenti, con noi e con altri ragazzi italiani, è un bell’esempio di aggregazione e di come ci si possa divertire facendo delle cose insieme”.

Riguardo Mara Butticé

Mara Butticé
Nata ad Agrigento, frequenta la facoltà di giurisprudenza all'università degli studi di Palermo.

Leggi anche

Adriano Sofri racconta Kafka al Festival delle Letterature Migranti

Adriano Sofri presenta il suo ultimo libro “Una variazione di Kafka” al Festival delle Letterature Migranti. Durante la terza giornata della manifestazione Davide Camarrone, Direttore artistico dell’evento, dialoga con l’autore allo Steri, ragionando su...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *