Home / #Ambiente / Sarà vietato fumare nei pressi delle Università
fumare
foto tratta da telenord.it

Sarà vietato fumare nei pressi delle Università

Martedì 2 febbraio sono entrate in vigore le nuove norme previste dal decreto legislativo tabacchi che recepisce la direttiva 2014/40/UE del Parlamento europeo e introduce norme più severe per i fumatori di sigarette.

Ecco le principali novità:

– Avvertenze relative alla salute sui pacchetti, con grandi scritte ma soprattutto una fotografia a colori, che raffigura gli effetti shock del fumo sulla salute. Il tutto deve occupare almeno il 65% della superficie del pacchetto. Per chi non lo fa, sanzioni da 20 mila a 120 mila euro

Vietato fumare all’aperto nei pressi di scuole, ospedali, università.

– Vietato fumare in auto, sia per il conducente che per i passeggeri, se a bordo ci sono minori o donne in gravidanza, le sanzioni per chi non lo fa vanno da da 50 a 500 euro

– Stretta sulla vendita ai minori: chiunque trasgredisce al divieto viene sanzionato con una multa da 500 a 3.000 euro, e gli viene sospesa la licenza per 15 giorni. In caso di recidiva la multa sale da 1.000 a 8.000 euro, e la licenza viene revocata.

– Sigarette elettroniche: obbligatoria una notifica al ministero della Salute da parte dei produttori, che contenga l’elenco di tutti gli ingredienti contenuti nel prodotto, i dati tossicologici, la descrizione del processo di produzione, ecc. Mentre con le ricariche va allegato un “foglietto illustrativo” con istruzioni per l’uso, elenco dei componenti, avvertenze sugli effetti nocivi.

– Vietata la vendita dei pacchetti da dieci sigarette.

Riguardo Angelo Casano

Angelo Casano
Nato a Pantelleria il 12-11-1991, studente presso il corso di laurea in medicina e chirurgia dove ha ricoperto la carica di rappresentante del corso di studi. Scrive anche per il blog www.agorapnl.it e www.infouni.it

Leggi anche

fiume Oreto

I luoghi del cuore del FAI: 40mila euro per salvare l’Oreto

Il Fiume Oreto si piazza al secondo posto nel censimento del FAI "I luoghi del cuore" e ottiene 40mila euro per la sua rinascita e valorizzazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *