Home / #ErsuCultura / Una nuova prestigiosa sede per l’Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia. Giorno lunedì 13 giugno inaugurazione con la ministra Stefania Giannini
Imest
IEMEST

Una nuova prestigiosa sede per l’Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia. Giorno lunedì 13 giugno inaugurazione con la ministra Stefania Giannini

Palermo, 7 giugno 2016

Giorno lunedì 13 giugno, alle ore 16,30, in via Michele Miraglia/Piazzetta Briuccia, 20 (prima traversa a destra di Via Mariano Stabile, salendo dal porto) a Palermo, la ministra dell’”Istruzione, dell’Università e della Ricerca” Stefania Giannini, inaugurerà la nuova sede dell’”Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia” (Iemest).

La cerimonia inaugurale della nuova sede, aperta alla comunità scientifica e organizzata dal presidente dell’ente di ricerca, Bartolo Sammartino, e dal direttore generale, Francesco Cappello servirà anche a sottolineare lo straordinario contributo dato al risanamento e al recupero di un sito di archeologia industriale al centro di Palermo, prima ridotto a un rudere a cielo aperto e adesso rinato a nuova vita: infatti, l’edificio – progettato a fine ottocento come opificio per la lavorazione degli agrumi di Sicilia e utilizzato a tale scopo fino alla fine degli anni venti del secolo scorso – diventò deposito bellico sino alla fine della seconda guerra mondiale per poi cadere nel degrado. Adesso, la struttura – finemente ristrutturata e allestita con un’attenzione particolare alla dimensione estetica – funziona come centro internazionale di ricerca scientifica e come centro congressi, arricchendo il panorama italiano in termini di produzione di studio e di ricerca portata avanti dai privati.
L’inaugurazione sarà anche l’occasione per presentare le importanti attività di ricerca e che lo IEMEST sta conducendo anche a livello internazionale come, per esempio, quella in collaborazione con la Nasa, l’Agenzia Spaziale Americana.

In occasione dell’inaugurazione anche il vernissage della mostra delle opere scultoree dell’artista Salvatore Rizzuti (www.salvatorerizzuti.com/biografia/)

Lo IEMEST (http://www.iemest.eu/it/) è un ente di ricerca che svolge attività a carattere scientifico, socio-culturale, di formazione, di consulenza e di assistenza tecnica. E’ partner di diverse università e centri di ricerca di tutto il mondo (www.iemest.eu/it/partners); conduce progetti di ricerca (www.iemest.eu/it/progetti-iemest) e organizza eventi per la promozione e diffusione della cultura; offre, inoltre, attività di informazione e formazione. Presso la struttura hanno sede diversi laboratori scientifici tra cui un laboratorio avanzato di Neuroanatomia (www.iemest.eu/it/cyber-brain) destinato al collaudo dei dispositivi elettrocorticografici impiantabili in vivo su cavia e allo studio degli effetti dell’impianto, in particolare per la verifica in vitro, su colture neuronali anche 3D, e in vivo, “post-mortem”, della biocompatibilità e bioassorbibilità dei materiali impiegati.

Ai giornalisti e agli operatori della stampa sarà consentito l’accesso alla struttura dalle ore 15,30 al fine di potere anche visitare la struttura in assenza di pubblico, visionare i laboratori e le varie attrezzature. Sarà, altresì, possibile effettuare riprese fotografiche e video dei locali. Per gli interessati è gradito l’invio di mail di accredito all’indirizzo ufficiostampaiemest@iemest.eu mettendo nell’oggetto “accredito stampa iemest” e indicando nome cognome, testata e numero telefonico.
La testata giornalistica universitaria www.iostudionews.it è media-partner dell’evento.

Per informazioni:
Dario Matranga 393 9956916

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Leggi anche

Nilde

Nilde, la mostra fotografica contro la violenza sulle donne

Lunedì 25 novembre (Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne) si inaugurerà al Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo(via Maqueda, 172), alle ore 17:00, la mostra fotografica “Nilde”. Un momento di denuncia su un tema purtroppo molto attuale, la violenza sulle donne, che drammaticamente si ripropone con una sempre crescente frequenza. La mostra potrà essere visitata sino al 29 novembre (dalle ore 8:00 alle ore 19:00). Al progetto, diretto da Federica Palmeri e prodotto da ReAzione Giurisprudenza, hanno aderito Amnesty International e l’assemblea nazionale Non una di meno. All’evento sarà presente Letizia Battaglia, figura centrale della fotografia internazionale, che esporrà una foto che immortala Franca Rame negli anni successivi alla violenza sessuale subita nel 1973.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *