Home / #scoprisicilia / Scoprire la Sicilia facendo base a Noto, città barocca.
Noto
Noto

Scoprire la Sicilia facendo base a Noto, città barocca.

Noto, la città “barocca” siciliana per eccellenza, deve la sua fama al centro storico  dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2002.

Noto
Noto

In realtà la città originaria, Noto Antica, si trova ad otto chilometri di distanza: lo spostamento dell’insediamento è dovuto a un forte terremoto, nel 1693, che ha lasciato solo le macerie e che oggi è diventata un’area archeologica di immenso valore. Vi sono castelli e chiesette gesuite risalenti all’anno mille e ristrutturati fino al Seicento, appena prima dello storico terremoto, sentieri che portano nelle profondità della valle dove il fiume Asinaro scorre indisturbato creando laghetti e cascatelle.

Cava Carosello, Noto Antica
Cava Carosello, Noto Antica

Tuttavia, in particolare l’area storica, è lasciata del tutto a se stessa: non vi sono controlli, punti informazione né cenni di conservazione: la struttura è lasciata alle intemperie.

Oggi Noto è caratterizzata dall’imponente piazza e dai pittoreschi dislivelli, che gli abitanti hanno saputo sfruttare grazie ai mercatini, aperti fino a tarda sera, e ai numerosi locali nei corsi centrali e nelle vie laterali, dove si possono trovare le specialità tipiche siracusane, tra le quali: il buccellato, dolce tipico siciliano, i cucciddateddi, un ripieno di fichi secchi, mandorle, uva passa, cannella, cacao amaro e pinoli, la pasta di mandorle e anche il pizzolo, non prettamente di Noto ma particolarmente apprezzato, ovvero una pizza ripiena.

Principale attrazione della piazza centrale è sicuramente la Cattedrale della città, posta al vertice di una scalinata, la Basilica di San Nicolò, costruita nel 1694 con lo stile tipico del barocco siciliano, ma anche il municipio, palazzo Ducezio, nonché il teatro Tina di Lorenzo del 1870.

Teatro Tina di Lorenzo
Teatro Tina di Lorenzo

La zona siracusana che comprende Noto, ma anche Avola e Cassibile, si sta rivelando in questo periodo di particolare interesse per i giovani amanti della natura: la città è un punto d’appoggio importante per raggiungere anche la riserva naturale di Vendicari e di Cavagrande del Cassibile, famose per la loro bellezza, dove si ha la possibilità di fare trekking e godersi l’acqua limpida delle piscine naturali.

13887091_10209505250415402_5687977574809280555_n

Riguardo Cristina Ciulla

Cristina Ciulla
Studentessa della facoltà di legge dell'Università degli studi di Palermo, redattrice per IostudioNews e per Masterlex.it, anno '94.

Leggi anche

giornate-fai-2019

Alla scoperta dei tesori italiani con le “Giornate FAI di Primavera”

Il FAI (Fondo Ambiente Italiano) ha annunciato i luoghi aperti al pubblico durante la 27esima edizione delle "Giornate FAI di Primavera" in programma sabato 23 e domenica 24 marzo 2019. Oltre mille i siti artistici e naturali da visitare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *