Home / #CampusLife / “Non siamo studenti di serie B”. L’Ersu al polo di Agrigento
incontro al polo di Agrigento

“Non siamo studenti di serie B”. L’Ersu al polo di Agrigento

Nella mattina di martedì  26 aprile il presidente dell’Ersu, Alberto Firenze, ha incontrato ad Agrigento gli studenti,  i dipendenti del Cupa, polo universitario della provincia di Agrigento e i dipendenti Ersu in servizio presso la sede decentrata.

Il Polo decentrato che afferisce all’Università degli studi di Palermo e che opera sul territorio agrigentino, esiste da anni e resiste nonostante numerosi tagli al bilancio che ne rendono difficile l’attività. Al momento il Cupa mantiene cinque corsi di laurea, ma si scongiura l’ennesima migrazione verso Palermo con prevedibili e dannose conseguenze. I corsi attualmente attivi sono: Beni Culturali (Laurea triennale);  Archeologia (Laurea magistrale); Architettura (Laurea magistrale a ciclo unico); Giurisprudenza (Laurea magistrale a ciclo unico); Servizio Sociale (Laurea triennale).

Presenti all’incontro gli studenti che giornalmente lottano per difendere il proprio diritto allo studio e che hanno approfittato della presenza di Alberto Firenze e della delegazione dell’Ersu di Palermo per evidenziare le criticità e le problematiche a cui è sottoposto il polo di Agrigento.

Dall’insufficienza dei servizi basilari come i trasporti pubblici, all’assenza di una mensa e di alloggi universitari, gli studenti sono concordi su una richiesta specifica: “non essere considerati studenti di serie B rispetto ai colleghi che frequentano l’università di Palermo”. Va sottolineato come ad Agrigento, fino a un paio di anni fa, era presente il servizio di ristorazione per gli studenti. Ma a causa dei continui tagli portati avanti dal governo della Regione per le spese di funzionamento, l’Ersu è stato costretto a chiudere diverse mense tra cui anche quelle di Trapani e Caltanissetta.

Si chiede una maggiore inclusione all’interno dell’ateneo, che possa far sentire partecipi anche le piccole strutture decentrate. Si chiede collaborazione tra enti al fine di rivalutare una immagine sempre più lesa e che la voce degli studenti del Cupa possa essere finalmente ascoltata.

 

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Check Also

Dal fumetto «La studentessa fuori sede» di Antonio Baldassarro

Vita di una matricola fuori sede. L’eccellenza AMU, Ambulatorio Medico Universitario UNIPA

La testimonianza di una studentessa fuorisede e matricola di UNIPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *