Home / #opportunityday / Ogni studente deve poter riuscire, una scommessa da vincere. Tommaso Nannicini chiude i lavori dell’Opportunity day
whatsapp-image-2016-11-07-at-21-09-17

Ogni studente deve poter riuscire, una scommessa da vincere. Tommaso Nannicini chiude i lavori dell’Opportunity day

Dopo un’intensa giornata di riflessioni tra studenti, rettori degli Atenei siciliani, esperti del settore ed esponenti del governo, l’Opportunity day: ogni studente deve poter riuscire“, svoltosi presso il CamplusPa è arrivato al termine.

opportunity-day

L’intervento conclusivo è toccato a Tommaso Nannicini, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. “Gran parte dell’occupabilità nasce dai corsi ritagliati sulle esigenze dell’economia reale e del sistema produttivo. Saper preparare talenti orizzontali, capaci di competere sul mercato è la sfida del presente” dice Nannicini. “Riusciamo a formare grandi talenti individuali – continua il sottosegretario- ma poco competitivi quando si tratta di lavori di gruppo “soft skills” che richiedono curiosità di aprirsi a nuove contaminazioni dell’esterno, nuova curiosità intellettuale. Infatti l’investimento su start up, che sono l’aspetto più carente del nostro sistema, è un punto centrale. Inoltre è necessario investire di più per rafforzare lo studente in condizioni economiche disagiate, anche tramite l’aiuto dell’Europa, così da far vedere che questa è un motore di sviluppo, e non solo un insieme di semplici trattati o rapporti fra presidenti degli Stati”.

Sfida del presente è assicurare pari opportunità ad ogni singolo studente meno abbiente, ma anche dare maggiori risorse a chi merita di più, infatti afferma Nannicini: “I interverremo su tre aspetti: in primis a sostegno di coloro che non possono finanziarsi la carriera universitaria; un secondo intervento sarà fatto, ancora per i bisognosi, ma che hanno maggiori meriti ed un terzo intervento sperimentale che guarda ai talenti dotati di grandi meriti. Non a caso con questa legge di bilancio cercheremo di stanare le eccellenze con le cattedre Natta. Tale sfida deve coinvolgere tutte le scuole di ogni grado”.

Nannicini rivendica così le scelte fatte dal Governo sulle “cattedre Natta” e sui “dipartimenti d’eccellenza”. Riguardo a queste ultime egli afferma che, pur rendendosi conto che esse non garantiscono l’equità tra i territori, il compito della misura è incentivare le eccellenze e che quindi questa azione (non inclusa nel FFO appunto perchè di natura diversa) ha una propria logica e prevedere una distribuzione sui territori vorrebbe dire tradirne la logica. Sulle cattedre Natta, Nannicini taglia corto con la stessa argomentazione e cioè affermando che questa scelta governativa consiste in una politica di stimolo per l’aumento  delle eccellenze nel sistema universitario. Non ritiene sussistente l’ipotesi di incostituzionalità perchè, per quanto la commissione sia di nomina governativa, gli atenei sceglieranno i docenti selezionati cosicché – malgrado la ferita a livello macroscopico – non dovrebbe consumarsi la violazione del principio dell’autonomia universitaria nei microcosmi degli atenei.

Riguardo Salvatore Casarrubea

Salvatore Casarrubea
Classe '94, diplomato al Liceo Classico, attualmente frequento la facoltà di Giurisprudenza. Mail: salvocasarrubea@gmail.com

Check Also

opportunity day

Opportunity day, a Palermo il confronto su mobilità internazionale, cattedre Natta, dipartimenti d’eccellenza e start up

In due tavoli si è discusso di didattica e di diritto allo studio, in altri due sono stati affrontati i temi da una parte delle start up, dell'innovazione e dei fondi infrastrutturali, e dall'altra i temi riguardanti la mobilità internazionale, i dipartimenti d'eccellenza e le famigerate cattedre Natta. Con una metodologia - quella dei tavoli tematici - che si rivela vincente, il confronto è stato serrato, occasione di un ricco scambio di idee e decisamente non istituzionalizzato cosicché gli studenti si sono agevolmente confrontati con rettori e docenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *