Home / #OltreUnipa / Mvmant: il taxi condiviso 2.0
mvmant

Mvmant: il taxi condiviso 2.0

Un’app innovativa, che permette di prenotare un taxi direttamente dal proprio smartphone: parliamo di  Mvmant, un’app, nata dall’idea di Blochin Cuius, siciliano trapiantato in Germania, e Riccardo D’Angelo, fondatore di Edisonweb.

L’idea ha immediatamente ricevuto tantissimi consensi, tanto da entrare nella rosa dei 19 progetti scelti in scala mondiale per il “Dubai Future Accelerator”, il programma di innovazione tecnologica che finanzia lo sviluppo di progetti volti al miglioramento della vita quotidiana. Inoltre, il team di Edisonweb, con il benestare della Road Transport Authority, condurrà un periodo di sperimentazione nella capitale degli Emirati Arabi tra marzo e aprile 2017, in attesa di presenziare al “Dubai Expo” nel 2020.

Utilizzare l’app è davvero semplice: una volta scaricata nel proprio smartphone, offre la possibilità di prenotare velocemente un taxi su linee fisse, indicando la propria destinazione; una volta selezionata la stessa si può procedere alla prenotazione.

Già testata per un periodo di prova a Ragusa, dal mese di Gennaio, l’app è ufficialmente diventata funzionante anche in Veneto, tra Venezia e Mestre,  con il coinvolgimento dei taxisti della Cooperativa Radio Taxi Venezia, con una ventina di taxi in servizio dalle 7.30 del mattino alle 20 di sera, dal lunedì al venerdì, inizialmente soltanto su due tratte, con l’obiettivo di aumentare le stesse fino a sei. Il costo del servizio, è di circa 0,85 centesimi a km.

Per maggiori info, consultare il sito: http://www.mvmant.com/

Riguardo Clara Ambrosi

Clara Ambrosi
Nata il 12/11/1994 a Palermo, scrivo per il blog di informazione online “Il Giornale di Isola”, per il giornale sportivo online "Lo Sport 24" e per il blog universitario “IoStudio”. Studio legge alla facoltà di giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo e sono appassionata di viaggi, libri, cinema,musica e sport.

Leggi anche

Z08-400x234.QXD

La manifestazione per l’inaugurazione dei defibrillatori. La mappa delle installazioni

L'iniziativa realizza la diffusione dei defibrillatori semiautomatici nei viali della cittadella universitaria (UNIPA) e nei viali del policlinico universitario Paolo Giaccone di Palermo, per porre un argine alla morte cardiaca improvvisa (MCI). Contestualmente, sono stati formati 30 operatori “laici” che hanno conseguito l’attestazione American Heart Association (AHA).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *