Home / #OltreUnipa / Musica, sport e natura: arriva la prima edizione del Sundays Festival
33310157_10216083319937868_2664014995045482496_n

Musica, sport e natura: arriva la prima edizione del Sundays Festival

Mancano pochi giorni alla conclusione della sessione d’esami e finalmente anche per noi studenti comincerà la nostra meritatissima estate! Ma cosa fare?

La risposta è molto semplice: si tratta di un nuovo evento in Sicilia, organizzato da ragazzi giovani e intraprendenti che hanno messo su un festival di tutto rispetto: è il Sundays Festival!

Dunque tutti liberi giorno 21 e 22 Luglio, perché il lago Rosamarina di Caccamo ospiterà un evento primo nel suo genere nella nostra regione: tra musica dal vivo di band indie-rock del panorama italiano e dj set con artisti provenienti da tutto il mondo, nonché tanto sport in uno scenario immerso nella natura da togliere il fiato, il Sundays Festival ha tutte le carte in regola per diventare un punto fisso annuale per amanti di musica, sport e natura.

Ma iniziamo con le presentazioni di chi questo evento l’ha ideato e visto prendere forma. Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Andrea Gervasi.

Chi si nasconde dietro questo progetto, chi sono gli organizzatori del Sundays Festival?

Siamo dei “folli” appassionati di musica, viaggi, festival e innamorati della nostra terra, quella che ci sta tanto a cuore, che ci tiene anche tanto distanti da lei per tantissimi motivi comunemente conosciuti. Alcuni di noi hanno diversi anni d’esperienza in organizzazioni d’eventi, più o meno di medie dimensioni,  altri invece vantano diversi percorsi musicali, sicuramente requisiti necessari per la realizzazione del progetto.

Un festival unico nel suo genere in Sicilia. Tra musica di diverso genere e sport si accontentano davvero i gusti di tutti. Ma com’è nata l’idea?

L’idea del festival nasce dall’amore per gli eventi, la passione per la musica e per la Sicilia. Siamo consapevoli delle grandi potenzialità che hanno i festival musicali sull’intero tessuto sociale regionale. Volevamo qualcosa che ci legasse ancora di più alla nostra terra, qualcosa che fosse il frutto di ciò che vogliamo comunicare. Via dicendo, l’inserimento della natura e dello sport all’interno dell’evento, ci hanno portato a produrre uno dei primi festival siciliani completi quasi in tutti gli aspetti, proprio come i grandi festival del Nord Europa. Chissà, magari fra 5 o 10 anni parleremo di altro, quello che notiamo di positivo è che la Sicilia sta crescendo molto in questo settore, ed è la strada giusta.

Indubbiamente la Sicilia ha ancora tanto da imparare sulla creazione di grandi festival . . .

Ci stiamo mettendo in gioco e ci stiamo provando: crediamo fermamente che una regione come la nostra debba almeno raddoppiare gli arrivi di turisti da tutto il mondo. La Sicilia è 80 volte più grande di Malta che però ospita più visitatori rispetto a tutta la Sicilia intera? In questo contesto gli eventi, i concerti e i grandi festival contano davvero molto; nel mondo ci sono festival che muovono le masse, muovono l’economia, la società intera e la cultura. I concerti sono momenti da pelle d’oca, momenti indimenticabili della nostra vita.  Anche noi siciliani dobbiamo andare verso la strada giusta, contro chi la pensa alla vecchia maniera e mette i bastoni fra le ruote a noi giovani vogliosi di riscatto.

Sicuramente le difficoltà incontrate non saranno poche nella creazione di un festival al suo esordio. Voi di cosa vi siete occupati in particolare? E quali sono state le maggiori difficoltà?

Ci siamo occupati e ci occupiamo ancora della progettazione dell’intero festival, dunque dalla scelta artistica alla comunicazione, che va dai social media alla promozione dell’evento offline, nonché parte della logistica; possiamo dire il buon 90% del lavoro.  Ma l’impegno è ricompensato anche da piccole soddisfazioni, a esempio l’inserimento del festival tra gli eventi della Regione Siciliana sul sito dedicato al turismo visitsicily.com, nonché la partnership con Trenitalia.

Quali artisti si esibiranno e quali sono stati i criteri per scegliere le line-up ?

La line up dedicata alla musica live indie rock e pop è stata quasi del tutto curata da Salvatore Giannavola, cultore del genere e personaggio molto vicino ad artisti emergenti della scena, nonché fondatore di Blogstermind ed Indie Italia Mag, una pagina interamente dedicata all’indie italiano. La parte elettronica è stata curata un po’ da tutti invece. Sono molti gli artisti siciliani che prenderanno parte a questa prima edizione, ma anche artisti internazionali come SuperFlu,  Boris Dlugosch ( che ha fatto la storia della house music tedesca) e la giovane belga, ma naturalizzata francese, Laura De Greef.

Le premesse per una buona riuscita del festival dunque ci sono tutte. . .

Sarà una bellissima edizione, quella che basta per poter ricoprire tutte le spese che stiamo sostenendo per la realizzazione di questo festival. Se desiderate acquistare i ticket del festival, o semplicemente saperne di più, cliccate qui: https://www.sundaysfestival.com/

 

 

 

Riguardo Clara Ambrosi

Clara Ambrosi
Nata il 12/11/1994 a Palermo, scrivo per il blog di informazione online “Il Giornale di Isola”, per il giornale sportivo online "Lo Sport 24" e per il blog universitario “IoStudio”. Studio legge alla facoltà di giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo e sono appassionata di viaggi, libri, cinema,musica e sport.

Check Also

38600373_2239371883017552_79722122091429888_n

“Retrò Fest”: musica e burlesque al Nautoscopio di Palermo

Il 18 e il 19 agosto, al Nautoscopio di Palermo, prenderà vita il "Retrò Fest", festival dedicato alle atmosfere degli anni '50 e 60'. Non solo musica, ma anche arte ed esibizioni di burlesque, con la partecipazione di artisti internazionali come Don Cavalli e Wonderful Ginger.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *