Home / #ErsuCultura / Museo dell’Università: Unipa mostra le sue ricchezze
Museo dell'Università
Presentazione della mostra presso la Chiesa di S,Antonio abate, Complesso Monumentale dello Steri

Museo dell’Università: Unipa mostra le sue ricchezze

Ieri, presso la Sala delle Armi di Palazzo Steri, il rettore Fabrizio Micari ha aperto la mostra “Museo dell’Università – Dalla Pinacoteca della regia università di Palermo alla Galleria di Palazzo Abatellis“.

I quadri esposti sono una ridotta parte delle opere di proprietà dell’Università. Questi, scelti tra i più belli e i meno conosciuti, vogliono riproporre una  sintesi visiva della Pinacoteca della Regia Università al fine di recuperarla e renderla fruibile presso l’istituzione cittadina a cui appartengono. Qualche pezzo della Pinacoteca è esposto permanentemente a Palazzo Abatellis e una parte della stessa giace in deposito, in attesa di idonei spazi perché possa essere restituita alla città e alla comunità universitaria. Una parte della Pinacoteca, infine, – come ricordato durante l’evento – venne consegnata al Museo Salinas nel 1986.

Museo dell'Università
Locandina dell’evento

Uno degli scopi della mostra è quello di riproporre la quadreria della Regia Università a seguito delle donazioni di alcune collezioni private compiute dal 1814 anno in cui il principe di Belmonte, Giuseppe Emanuele Ventimiglia e Cottone dona i primi quadri con finalità socio-educative fino al 1861 quando la vita del museo ha diversa sorte rispetto a quella dell’ateneo.

La quadreria moderna è esposta nella sala contigua l’ala d’esposizione della quadreria d’arte contemporanea, la quadreria mediterranea, che può essere visitata contestualmente.

L’inaugurazione si è tenuta dopo una presentazione dell’esposizione tenutasi nell’affollata Chiesa di Sant’Antonio Abate nel complesso monumentale dello Steri. Sono intervenuti  Andrea Cusumano, assessore alla cultura del Comune di Palermo, Maria Concetta Di Natale, direttore Dipartimento Culture e Società Università di Palermo, Gioacchino Barbera, direttore Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis.

Aprendo l’iniziativa il rettore Micari ha descritto questo prodotto come espressione della terza missione dell’università: “Accanto alla formazione e alla ricerca – ha affermato – sono sempre più convinto che un’università come la nostra, in un territorio come il nostro, abbia il dovere di essere sempre più presente alla vita del territorio di partecipare alla vita cittadina, anche e soprattutto dal punto di vista culturale, integrando la vita della città.” 

Pur essendo stato un evento dai tratti specialistici occorre notare che nel corposo pubblico, quella giovanile era una sparuta minoranza. Un’assenza che si vuole imputare al periodo degli esami, ma un’assenza che si auspica venga colmata da una partecipazione fluviale durante il periodo estivo. Risulterebbe un’occasione mancata, sia per l’università sia per gli studenti, se i quadri non riuscissero a soddisfare le finalità socio-educative per le quali sono stati originariamente donati e adesso restituiti al pubblico, a una città sempre più universitaria, ma soprattutto agli universitari.

 


 

 

Riguardo Andrea Cannizzaro

Andrea Cannizzaro
Nato il 29 luglio 1994 a Palermo dove frequento il corso di studi in Giurisprudenza. La mia mail è andreacannizzaro94@gmail.com

Leggi anche

20 anni di Banco Alimentare a Palermo, un evento presso la Missione Speranza e Carità

Storia, volti, fatti e ricordi di venti anni di solidarietà

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *