Home / #OltreUnipa / Ragazzi Harraga, immagini per la speranza a Palermo
sguardi harraga

Ragazzi Harraga, immagini per la speranza a Palermo

Il termine “harraga” deriva dal dialetto arabo e significa “coloro che bruciano le frontiere”. Li definiscono così, i giovani migranti in fuga dalle guerre e dalle persecuzioni. I loro viaggi hanno una durata media di otto o nove mesi e sono dolorosamente segnati dalla perdita degli affetti, dall’allontanamento da famiglie, radici, identità.

Il 20 novembre scorso, in occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, all’interno della cornice del centro storico di Palermo, si è tenuta la mostra dal titolo “Ragazzi Harraga”, che raccoglie immagini di vita quotidiana scattate dai fotografi dello Studio 14 di Novara. Ragazzi che giocano a calcio in un cortile. Giovani pensierosi, in ascolto. Scene di vita quotidiana, momenti all’apparenza anonimi ma resi unici dai protagonisti: ragazzi che ce l’hanno fatta, dopo aver attraversato il deserto e il mare. Le fotografie si trovano esposte all’interno dello spazio di  “Moltivolti”, locale del centro storico palermitano.

23804566_10212985648230005_232772674_n

“Palermo, che accoglie da anni centinaia di minori harraga, è il contesto perfetto per tutto questo, in controtendenza con un’Europa sempre più chiusa e inospitale, spaventata e culturalmente impoverita – dice Alessandra Sciurba, coordinatrice per il Centro Italiano Aiuti all’Infanzia del progetto “Ragazzi Harraga”, che si occupa di quattrocento migranti soli – Le comunità Arcobaleno e Stellaria della Cooperativa Liberamente, Mondello con il suo mare e la sua spiaggia, l’oratorio di Santa Chiara e il co-working e ristorante Moltivolti, nel cuore del centro storico, sono i setting di queste fotografie, e quindi spazi materiali, ma anche luoghi simbolici di resistenza, da cui si dipanano innumerevoli occasioni di nuovi inizi possibili”. 

23845415_10212985647229980_529809349_n

La mostra riprende il nome del progetto portato avanti dal CIAI a favore di quattrocento minorenni migranti soli, e prevede percorsi di accompagnamento e avviamento sociale, grazie ad una rete di partner che comprende enti e istituzioni pubbliche e private. L’intervento rientra nell’ambito della campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi sulle migrazioni non6solo, cui è stato dedicato un sito http://www.non6solo.it/ dove sono indicati tutti i partner e alcune testimonianze dirette.

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

locandina

Al via la manifestazione che incoraggia la nascita di start up sull’artigianato

Dal 20 al 23 marzo Palazzo Butera ospiterà una mostra mercato e dei workshop con lo scopo di incoraggiare la nascita di start up

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *