Home / #DopoLaurea / Miur: al via il bando per diventare assistenti di lingua italiana in Europa
foto: wired.it
foto: wired.it

Miur: al via il bando per diventare assistenti di lingua italiana in Europa

Sempre più giovani sono in cerca di fare un’ esperienza all’ estero da inserire nel proprio curriculum vitae e, su questa scia, il Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca dà la possibilità di ricoprire dei posti di assistente di lingua italiana per l’anno scolastico 2016-2017  in alcuni stati europei. E lo fa attraverso un bando per il quale è possibile presentare la propria candidatura entro e non oltre il 29 Febbraio 2016.

Foto: mcetv.fr
Foto: mcetv.fr

Il numero dei posti per il prossimo anno scolastico sarà reso noto dai Paesi partner nel corso dell’anno 2016. Intanto, sono state rese note le disponibilità assicurate per l’ultimo anno scolastico:
34 posti in Austria, 3 in Belgio (lingua francese), 178 posti in Francia, 28 in Germania, 6 in Irlanda, 11 nel Regno Unito e 25 in Spagna.
Gli assistenti affiancheranno i docenti di lingua italiana in servizio nelle istituzioni scolastiche del Paese di destinazione, fornendo un originale contributo alla promozione ed alla conoscenza della lingua e della cultura italiana. La loro attività copre un periodo di circa otto mesi presso uno o più istituti di vario ordine e grado e comporta, di regola, un impegno della durata di 12 ore settimanali, a fronte del quale viene corrisposto un compenso variabile a seconda del Paese di destinazione.
I requisiti richiesti sono: la cittadinanza  italiana, non  aver  compiuto  il  30°  anno  di  età, non  essere  già  stato  assistente  di  lingua  italiana  all’estero  su  incarico  del  Ministero  dell’Istruzione,  Università  e  Ricerca, essere  libero  da  impegni  relativi  a  gli  obblighi  militari  per  il  periodo  settembre  2016-maggio  2017, non  essere  legato  da  alcun  rapporto  di  impiego  o  di  lavoro  con  amministrazioni   pubbliche  nello  stesso periodo, aver  conseguito  dal 1°  gennaio  2015  un  diploma  di  laurea  specialistica o magistrale  tra  quelli  indicati  nella  tabella allegata al bando. Per questo e per maggiori per maggiori informazioni, è possibile consultare la pagina dedicata sul sito del Ministero dell’ istruzione, dell’ Università e della Ricerca.​

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

immagine sulla ricerca scientifica tratta da www.unipa.it

L’UE stanzia 621 milioni di euro per la ricerca d’avanguardia condotta da scienziati a inizio carriera

La Commissione europea ha annunciato i risultati del bando 2019 relativo alle sovvenzioni di avviamento …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *