Home / #ErsuCultura / Il mistero del Caravaggio perduto
1230017_1041769212554390_4994718444806264063_n

Il mistero del Caravaggio perduto

Dopo 46 anni è tornata nella nicchia sopra l’altare dell’Oratorio della compagnia di San Lorenzo, a Palermo, la Natività di Caravaggio con i santi Lorenzo e Francesco d’Assisi dipinta nel 1609 da Caravaggio. Non è il quadro originale, trafugato nell’ottobre del 1969 e mai ritrovato, ma una riproduzione, realizzata in un unico esemplare da un team composto da architetti e informatici, con tecniche ad altissima tecnologia in grado di rendere alla perfezione ogni minimo dettaglio.

La presentazione dello svelamento della copia e del documentario prodotto da Sky sul dipinto di Caravaggio, ''Natività'', rubato 46 anni fa dalla mafia dall'oratorio di San Lorenzo, in una foto diffusa il 12 dicembre 2015. ANSA/ UFFICIO STAMPA SKY ++HO - NO SALES EDITORIAL SUE ONLY++
La presentazione dello svelamento della copia e del documentario prodotto da Sky sul dipinto di Caravaggio, ”Natività”, rubato 46 anni fa dalla mafia dall’oratorio di San Lorenzo, in una foto diffusa il 12 dicembre 2015.
foto ANSA
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la cerimonia di consegna della riproduzione della ''Natività'' di Caravaggio, all'oratorio San Lorenzo a Palermo, 12 dicembre 2015. foto ANSA / US PRESIDENZA REPUBBLICA
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la cerimonia di consegna della riproduzione della ”Natività” di Caravaggio, all’oratorio San Lorenzo a Palermo, 12 dicembre 2015. foto ANSA / US PRESIDENZA REPUBBLICA

L’opera è stata finanziata da Sky, che ha commissionato il progetto a Factum Arte, la società madrilena specializzata nella realizzazione di riproduzioni pressoché perfette di opere d’arte. Costata 100 mila euro, la riproduzione è stata donata da Sky alla Presidenza della Repubblica e il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha deciso di consegnarla all’oratorio. Alla consegna ha partecipato lo stesso Mattarella che ha visitato l’oratorio e successivamente alla cerimonia svoltasi allo Steri, dove, alla presenza dell’amministratore delegato di Sky Italia Andrea Zappia, è stato presentato il documentario “Operazione Caravaggio-Mystery of the Lost Caravaggio“, prodotto da Sky e distribuito da Sky Arte HD a partire da gennaio 2016 per una platea potenziale di 21 milioni di famiglie abbonate, che racconta la storia del furto.
“Questa è una iniziativa che ha tanti significati a partire da quello simbolico – ha detto Mattarella – Una così accurata riproduzione digitale consente, non di riavere la tela originale, ma di ritrovare l’effetto e l’emozione che l’opera di Caravaggio suscitava in questo oratorio. La giornata di oggi è anche la dimostrazione della capacità di coniugare cultura e tecnologia avanzata”.
La riproduzione, ha spiegato Adam Lowe, fondatore di Factum Arte, è la sintesi dello studio fatto su una diapositiva a colori sfocata di Enzo Brai, immagini in bianco e nero e le scansioni digitali del trittico “San Matteo e l’Angelo”, “Vocazione di San Matteo” e “Martirio di San Matteo” nella chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma. “La replica non ha ambizioni di sostituire l’originale ma la tecnologia oggi consente di poter almeno rivivere le sensazioni che Caravaggio voleva dare”, ha detto Zappia. “Siamo a Natale, ci piace pensare che gli autori del furto della Natività vedendo la riproduzione restituiscano l’opera originale trafugata, sarebbe un bel regalo sotto l’albero”, questo l’augurio di Lowe.

foto ANSA
foto ANSA

Riguardo Giuseppe Palazzotto

Studente in Ingegneria Informatica, Laurea Magistrale. E' stato rappresentante degli studenti presso la Scuola Politecnica ed il Consiglio di corso di studi. E' tra i fondatori del blog www.lalapa.it Nel sociale svolge attività con il Rotaract Club Palermo Agorà. E' stato giocatore a livello agonistico di scacchi ed ora nel tempo libero svolge attività riconosciuta dal Coni e dalla Federazione come istruttore ed arbitro.

Leggi anche

foto presentazione progetto 2

Al via il Programma Speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari Minori

Nella Sala Padre Pino Puglisi del Centro di Giustizia è stato presentato, con grande attenzione dei presenti, il “Programma speciale per l’istruzione e la formazione negli Istituti Penitenziari e nei Servizi Minorili della Giustizia”, che prende a cuore il reinserimento nella società dei giovani che scontano una pena, attraverso l’istruzione e la formazione, tenendo conto dei loro contesti sociali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *