Home / #Mondo / Mete turistiche 2018, The Guardian sceglie Palermo
Dai tetti della Cattedrale di Palermo
Dai tetti della Cattedrale di Palermo

Mete turistiche 2018, The Guardian sceglie Palermo

Il celebre quotidiano The Guardian ha stilato la classifica delle quaranta mete in cui trascorrere le prossime vacanze e spicca Palermo fra le città italiane.

Anche quest’anno The Guardian ha dato qualche suggerimento sulle mete ideali per le prossime vacanze e fra le destinazioni europee l’unica città italiana presente è il capoluogo siciliano.

Lapide Quadrilingue
Lapide Quadrilingue

Non è la prima volta che il noto quotidiano britannico manifesta il suo amore per Palermo, che descrive come melting pot culturale.
Questo concetto viene ben rappresentato dalla lapide con iscrizione quadrilingue (latino, greco, arabo e giudaico) risalente al 1149 e custodita nel Palazzo della Zisa. Il suo carattere multiculturale e la sua tendenza ad aprirsi verso altre tradizioni hanno reso Palermo un mosaico di culture, in cui le influenze delle dominazioni del passato riecheggiano nel presente grazie alle testimonianze storiche, ai monumenti e alle manifestazioni culturali che vengono annualmente organizzate per riscoprire le bellezze di tale cultura millenaria.

Il 2018 è un anno importante per Palermo: è l’anno che la vede insignita del titolo di Capitale italiana della cultura. Ma è anche l’anno di Manifesta 12, la nota biennale nomade europea di arte contemporanea, e della nuova edizione del Festival delle Letterature Migranti. Questi sono, però, solo alcuni degli appuntamenti che confermano il carattere multietnico, multiculturale e multilinguistico della città.

Interno dell'Oratorio di Santa Maria del Sabato
Interno dell’Oratorio di Santa Maria del Sabato

Inoltre, quest’anno, dopo oltre cinquecento anni, aprirà la prima nuova sinagoga della città, trasformando l’oratorio in stile barocco di Santa Maria del Sabato ubicato nell’antico quartiere ebraico. Un tempo, infatti, proprio al di sotto di via Maqueda, nei pressi della chiesa di San Nicolò da Tolentino, si trovavano gli antichi quartieri ebraici della Guzzetta e della Meschita dove sorgeva la sinagoga e dove si rilevano ancora oggi alcune caratteristiche dell’architettura del mondo ebraico, tra cui i passaggi ad arco.

Palermo si prepara, dunque, ad un anno intenso e ricco di iniziative culturali di respiro internazionale.

Riguardo Valeria Cannizzaro

Valeria Cannizzaro
Sono nata a Palermo nel 1992. Sono laureata in lingue, ho un master in Global Marketing e uno in Business Administration. Sono appassionata di eventi culturali, di libri e di cinema.

Check Also

libro i moti di palermo del 1866 verbali

Sette e Mezzo, una rivolta repressa nel sangue ricordata dopo 152 anni

Una rivolta popolare siciliana del 1866. Il calendario delle commemorazioni organizzate dall'Associazione Zabùt con il patrocinio dell'ERSU.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *