Home / #Mondo / Un test sulla saliva diagnostica i tumori in dieci minuti
Immagine: telegraph.co.uk
Immagine: telegraph.co.uk

Un test sulla saliva diagnostica i tumori in dieci minuti

E’ in arrivo dalla California un nuovo test medico non invasivo che potrebbe rivoluzionare il campo della diagnosi precoce dei tumori, aprendo così la strada ad interventi terapeutici mirati e fornendo risultati veloci e a basso costo.

Immagine: ulac.it
Immagine: ulac.it

Si tratta della biopsia liquida dalla saliva, un esame che è in grado di fornire risultati in soli 10 minuti ad un costo pari a meno di 20 euro, a cui seguiranno normali esami accurati come, per esempio, la tac. Il test innovativo permetterà, da una singola goccia di saliva, di rilevare i frammenti del Dna tumorale.
Questo traguardo nel campo medico è frutto di uno studio intrapreso presso l’ Universita’ della California di Los Angeles da David Wong che ha presentato i risultati del suo lavoro nel corso di un convegno dell’Associazione americana per l’avanzamento delle scienze. Wong spiega che il test può essere eseguito nello studio del medico, in farmacia o, addirittura, a casa. Fino a questo momento, l’esame della saliva si è verificato preciso sul tumore ai polmoni e al pancreas. Per quest’ ultimo potrebbe rivelarsi particolarmente utile perché, attualmente, non ci sono screening precoci efficaci. Secondo quanto afferma Wong, in futuro, si potrà sviluppare un test in grado di rilevare contemporaneamente più tipi di tumore. Nel frattempo, ad essere studiate e sperimentate sono anche altre biopsie liquide, le quali riescono a rilevare il tumore direttamente dal sangue. Nel giro di poco tempo si spera, quindi, in ulteriori risultati.
Secondo Wong l’approvazione da parte della Food and drug administration, l’agenzia statunitense che regola i medicinali, dovrebbe arrivare entro un paio d’anni e potrebbe essere disponibile in Europa tra quattro.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

eso1917a

Dalla collisione tra stelle di neutroni l’identificazione di un elemento pesante

Per la prima volta si vede nello spazio, grazie a osservazioni con i telescopi dell'ESO, uno degli elementi usati nei fuochi d'artificio, appena creato

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *