Home / #OltreUnipa / Manifesta 2018: a Palermo mostra di arte contemporanea
hotel-president-palermo-e-dintorni3_palermo

Manifesta 2018: a Palermo mostra di arte contemporanea

Ormai è ufficiale, Palermo nel 2018 ospiterà la dodicesima edizione della più importante biennale di arte contemporanea europea dal nome Manifesta.

La mostra si svolgerà quest’anno a Zurigo, mentre l’anno scorso a San Pietroburgo ha attirato ben un milione e mezzo di visitatori. La capitale siciliana ha vinto la concorrenza di città come Praga e altre capitali svedesi, e sta dando vita ad una fondazione che si occuperà di organizzare un calendario con gli eventi che interesseranno Palermo per i prossimi tre anni, in attesa dell’importante mostra.

È motivo di orgoglio per la città di Palermo vedersi riconoscere finalmente il ruolo di una delle più importanti “capitali della cultura” non solo in Europa ma anche nel mondo, rafforzando così la sua identità culturale sia nazionale che internazionale.

Manifesta 2018 si svolgerà nell’arco di quattro mesi, anche se ancora non è stata fornita alcuna data precisa; il sindaco Leoluca Orlando ha comunque già dato alcune indicazioni, affermando che molto probabilmente si prediligerà il periodo autunnale o primaverile, evitando dunque i mesi estivi. Sono ancora molti gli aspetti su cui si deve lavorare, ma si è già formata una fondazione ad hoc per favorire una rapida organizzazione dell’evento: questa prevede il coinvolgimento del Comune di Palermo che sarà socio unico con il sindaco nel ruolo di presidente onorario. In particolare questo cda sarà formato da otto componenti: quattro scelti direttamente dall’Amministrazione, Leonardo Di Franco, presidente dell’Accademia delle belle arti che ricoprirà il ruolo di vice presidente della fondazione, Egle Palazzolo, Massimo Valsecchi e Maurizio Rotolo, che lavoreranno a titolo gratuito e quattro olandesi, scelti dalla fondazione titolare del brand. Tra questi quattro consiglieri scelti dall’Amministrazione, uno ricoprirà anche la carica di tesoriere e, nell’ambito del progetto, verrà anche istituito un comitato scientifico.

“Dopo essere stata inserita, con l’itinerario arabo-normanno, nell’elenco dei siti Unesco che sono considerati patrimonio mondiale dell’umanità – ha detto il sindaco Orlando – Palermo incassa un nuovo e prestigioso riconoscimento. Si tratta di una grande biennale di arte nomade e migrante, come migrante vuole essere la nostra città. Ci aspettiamo, naturalmente, un altissimo numero di visitatori, perché oggi abbiamo il diritto di promuovere lo sviluppo della città anche attraverso l’arte e la cultura. Manifesta 2018 – ha concluso il sindaco – dovrà essere un nuovo punto di orgoglio per tutti i palermitani e sarà certamente un nuovo e determinante volano di attrazione, sviluppo turistico e nuova economia, sia per Palermo sia per tutta la Sicilia. È un risultato importante, che si deve al grande impegno personale e alla passione dei due assessori alla Cultura che si sono succeduti, Francesco Giambrone e Andrea Cusumano cui va tutto il nostro ringraziamento”.

In molti si sono già chiesti ovviamente quanto costerà ospitare questa grande manifestazione artistica: non essendoci ancora un programma preciso, non è stato possibile definire alcuna cifra prestabilita. È comunque utile conoscere le cifre spese dalle altre capitali: a Zurigo sono stati spesi 6.9 milioni di franchi e in Russia 5 milioni di euro. Il Comune di Palermo ha previsto un budget di 3,5 milioni (di cui 2,7 dalla tassa di soggiorno), ma non tutti potrebbero essere utilizzati: la fondazione olandese cercherà infatti sponsor come banche e soggetti internazionali. “Potremmo portare da 2 a 5 milioni”, ha precisato Hedwig Fijen, direttrice di Manifesta.

 

Riguardo Clara Ambrosi

Clara Ambrosi
Nata il 12/11/1994 a Palermo, scrivo per il blog di informazione online “Il Giornale di Isola”, per il giornale sportivo online "Lo Sport 24" e per il blog universitario “IoStudio”. Studio legge alla facoltà di giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo e sono appassionata di viaggi, libri, cinema,musica e sport.

Leggi anche

yasser arafat

A Palermo un lungomare intitolato al premio Nobel per la pace Yasser Arafat

la pace può superare e supera vecchie inimicizie tra i popoli

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *