Home / #ErsuCultura / L’Università degli Studi di Palermo e La Fondazione the Brass Group insieme per i giovani Con “The Pop Side of Jazz” della Brass Youth Jazz Orchestra si avvia l’attività culturale

L’Università degli Studi di Palermo e La Fondazione the Brass Group insieme per i giovani Con “The Pop Side of Jazz” della Brass Youth Jazz Orchestra si avvia l’attività culturale

di Francesco Foresta Junior

foto

La Brass Youth Jazz Orchestra

L’Università degli Studi di Palermo e La Fondazione the Brass Group hanno attuato una nuova collaborazione in favore dei giovani presenti nei vari dipartimenti dell’università ed in tutta la città di Palermo. Il battesimo di tale accordo si è realizzato grazie ad un evento significato per le due Istituzioni atto quindi alla valorizzazione delle attività culturali ed artistiche con protagonisti i giovani della nostra città. Con l’esibizione “The Pop Side of Jazz” realizzata mercoledì 4 dicembre ore 18.00 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria di Unipa, si inaugura l’importante attività concertista della Fondazione the Brass Group. Sul palco la Brass Youth Jazz Orchestra diretta dal Maestro Domenico Riina alla presenza di un folto pubblico di giovani studenti. A dare loro il benvenuto il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari che commenta l’incontro dichiarando “Questa iniziativa, che ci vede protagonisti con la Fondazione The Brass Group con cui siamo contenti di proseguire la collaborazione già iniziata in occasione dell’ultimo Graduation Day, conferma sempre più quanto Palermo sia una Città Universitaria. Il nostro Ateneo dialoga infatti con le altre realtà cittadine per aprire le sue porte a tutta la comunità ospitando nelle sue sedi queste esibizioni che contribuiscono non solo alla diffusione della cultura musicale, ma anche al sostegno dei principi del dialogo e dell’accoglienza”.

Il Rettore Prof. Fabrizio Micari

Il Rettore Professore Fabrizio Vicari

L’evento è promosso dalla Fondazione the Brass Group in accordo con l’Università di Palermo con uno scopo ben preciso: “sostenere il dialogo tra le culture e contrastare, al contempo, la violenza di genere”. La performance è stata un omaggio alle grandi donne della musica che hanno varcato i confini tra jazz e pop e, in questa occasione, l’Orchestra giovanile del Brass ne ha realizzato un tributo rivolto ai coetanei della università cittadina.

Il Brass ha iniziato la sua attività rappresentando, all’inizio, le istanze generazionali di una popolazione giovane, musicisti e non. Il suo successo, nel 1974, è dipeso proprio dalla diffusione di un linguaggio musicale presso una fascia d’età dai 20 ai 30 anni. L’idea di questo concerto parte da quella originale motivazione, suggerendo alla stessa fascia d’età, dilatata fino a quella di chi negli anni settanta era ancora un ragazzino, una disposizione ad ascoltare e scoprire quel codice nel suo farsi espressione. Il concerto della Brass Youth Jazz Orchestra vuole anche essere un invito a partecipare alle prove d’orchestra, cioè il dietro le quinte, dei concerti d’orchestra, incontrando giovani orchestrali ed artisti internazionali.

Sull’iniziativa è intervenuto anche il responsabile del Centro Studi del Brass, Domenico Cogliandro Con questa iniziativa, intendiamo coinvolgere gli stessi giovani in altre attività culturali, professionali e di studio, avendo, nel contempo, come elemento cardine il Centro Studi “Brass Group Jazz Museum” che esprime oggi due luoghi – una biblioteca riconosciuta da OPAC e un archivio fotografico riconosciuto da ICCD – attraverso i quali si possono esprimere studenti, laureandi, dottorandi e tirocinanti”.

La Brass Youth Jazz Orchestra nell'Aula Magna del Dipartimento Ingegneria UNIPA

La Brass Youth Jazz Orchestra nell’Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria durante il concerto

D’altronde la Brass Youth Jazz Orchestra torna ad esibirsi in un luogo realmente significativo di Palermo e per una big band di così recente formazione, costituita da musicisti assai giovani (l’età è compresa tra i 13 ed i 27 anni), è stata una grande emozione potersi esibire con un programma tanto stimolante quanto impegnativo ed i Maestri che hanno preparato le varie sezioni orchestrali (Ninni Pedone, Vito Giordano, Salvo Pizzo e Faro Riina) hanno saputo rodare adeguatamente la compagine nel corso delle lunghe ed estenuanti prove effettuate. La Brass Youth Jazz Orchestra è uno dei progetti più ambiziosi ma anche più qualificanti tra quelli che la fondazione The Brass Group ha perseguito nell’arco di una storia che ormai tende al mezzo secolo. Dell’ampia formazione (circa quaranta elementi) fanno parte i migliori talenti musicali provenienti da ogni angolo della Sicilia e scelti attraverso un bando pubblico e meticolose selezioni. E considerando il grande successo avuto, la Fondazione the Brass Group continua il suo progetto attivo sui giovani pubblicando il nuovo bando 2020 per la selezione di strumentisti per la formazione e partecipazione alla giovane orchestra di jazz-pop-rock, consultabile sul link https://www.brassgroup.it/brass-youth-jazz-orchestra/.

Riguardo Francesco Foresta

Leggi anche

[UNIPA] I droni aprono nuove frontiere per lo studio e la previsione delle eruzioni vulcaniche_Photo credits Matthew Wordell_2

I droni e i nuovi studi delle eruzioni vulcaniche. Nel team internazionale anche ricercatori UniPa

Un team internazionale guidato dall’UCL (UK), e che include il gruppo di ricerca di Vulcanologia del Dipartimento …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *