Home / #ErsuCultura / “E lucevan le stelle”, giovedì 10 agosto al Teatro Greco di Segesta
teatro-segesta-2

“E lucevan le stelle”, giovedì 10 agosto al Teatro Greco di Segesta

Musica e scienza saranno i protagonisti della notte di San Lorenzo al Parco Archeologico di Segesta nell’ambito del  50° Festival “Le Dionisiache” 2017.

Giovedì 10  agosto, presso il Teatro Greco, si terrà il grande concerto, dal titolo “E Lucevan le stelle”,  per coro, solisti e orchesta dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Toscanini” di Ribera.

Brani di musica lirico-sinfonica e jazz saranno intervallati da interessanti discussioni cosmologiche tenute dalla Prof.ssa Sabrina Maniscalco, docente di fisica quantistica dell’Università di Turku in Finlandia.

Alla fine del concerto, all’interno del parco archeologico, sarà data la possibilità di usufruire della postazione dei telescopi forniti dal Centro Planetario di Palermo.

Special ticket e prevendita biglietti d’ingresso anche presso l’Istituto “Toscanini” di Ribera.

Locandina Segesta-10-agosto

Riguardo Marco Midulla

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *