Home / #ErsuCultura / Lo Steri si illumina con le luci di Chanukkah
Foto tratta da mapio.net
Foto tratta da mapio.net

Lo Steri si illumina con le luci di Chanukkah

Palazzo Steri avrà l’onore di ospitare il Chanukkah, la Festa ebraica delle luci. Dal 6 al 13 dicembre, infatti, il carcere dei Penitenziati aprirà le sue porte per celebrare la III edizione della festività ebraica.

Foto tratto da taopic.com
Foto tratto da taopic.com

Lo storico palazzo sito in piazza Marina sarà illuminato dalle 17.30 di domenica con l’accensione della prima candela, a cui ne seguiranno altre per i giorni successivi fino al 13 dicembre.
Quella di Chanukkah è la rievocazione del miracolo avvenuto nel 165 a.c. quando, nel riaffermare il monoteismo, fu riconsacrato il tempio di Gerusalemme. Per riaccendere il candelabro, fu usata l’unica ampolla di olio puro disponibile, sufficiente per un giorno solo. Quell’olio invece durò ben otto giorni. Da più di duemila anni gli ebrei celebrano questa festa in nome della Luce della pace tra i popoli. A questo antichissimo evento viene fatta risalire l’origine di tutte le religioni monoteiste moderne.
E’ una festa molto attesa da grandi e piccini. In ogni parte del mondo ebraico, candele e lampade ad olio vengono accese e poste nel modo che le rende più visibile a tutti.
L’evento è realizzata con il patrocinio di Unione delle Comunità ebraiche italiane, Shavei Israel, Comunità ebraica di Napoli, Officina di Studi Medievali e Istituto Siciliano Studi Ebraici di Palermo.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

foto presentazione progetto 2

Al via il Programma Speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari Minori

Nella Sala Padre Pino Puglisi del Centro di Giustizia è stato presentato, con grande attenzione dei presenti, il “Programma speciale per l’istruzione e la formazione negli Istituti Penitenziari e nei Servizi Minorili della Giustizia”, che prende a cuore il reinserimento nella società dei giovani che scontano una pena, attraverso l’istruzione e la formazione, tenendo conto dei loro contesti sociali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *