Home / #unamarinadilibri / Una letteratura per tutti e di tutti. Educazione e accessibilità a Una Marina di Libri
IMG_0126

Una letteratura per tutti e di tutti. Educazione e accessibilità a Una Marina di Libri

“Leggere tutti. Conferenza a più voci sulla letteratura per tutti e di tutti”. Con questo bellissimo incontro si è aperta la seconda giornata di Una Marina di Libri, appuntamento che continua il ciclo di incontri universitari sulla disabilità e l’accoglienza.

IMG_0119Questa mattina, il Gymnasium ha accolto giovani studenti della Scuola delle Scienze Umane, accorsi per seguire il seminario promosso in collaborazione con Associazione Accessibilis. Al centro della discussione, la letteratura per l’infanzia come strumento per venire incontro alle varie esigenze dei bambini, alle diverse forme di disabilità e come mezzo efficace per trasmettere nei piccoli la ricchezza che si cela dietro l’apparente differenza dell’altro.

Il primo intervento è stato quello del professor Livio Sossi, che ha affermato: “Bisogna trasmettere ai bambini l’incontro con l’altro, l’accettazione e la cultura dell’accoglienza, che qui in Sicilia sembra essere bene presente. Non bisogna mascherare la realtà, non vanno bene i pietismi ma bisogna raccontare la realtà”. Lo studioso ha trattato e mostrato alcuni testi, tra cui quelli che affrontano la differenza di genere e il tema dell’identità, nella piena consapevolezza della difficoltà del percorso.

IMG_0124Successivamente, è stata la volta della dottoressa Maria Concetta Cusimano, esperta in tiflodidattica e libri tattili. La consulente ha parlato della propria esperienza e degli approcci più consoni da parte degli insegnanti verso alunni ipovedenti e non vedenti.

Presente anche un esperto in comunicazione aumentativa alternativa, Nicola Angelillo, che ha espresso l’esigenza di sfruttare strategie alternative di adattamento dei libri, basati sulla semplificazione del testo, sulla traduzione in simboli della CAA e sulla simbolizzazione, semplice o complessa.

Infine, Fanny Rumeo, poetessa sorda, ha raccontato la propria esperienza e l’amore da sempre per la letteratura. “Oggi la sordità è più capita grazie alla tecnologia che dà autonomia e indipendenza” ha affermato la scrittrice, aggiungendo che “bisogna comunque superare pregiudizi e ipocrisia” e potenziare quegli strumenti, come i sottotitoli in TV, che sono ancora abbastanza limitati.IMG_0133

Riguardo Miryam Lo Dato

Miryam Lo Dato
Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Palermo, specializzata in Filologia Moderna e Italianistica.

Leggi anche

19074881_10211092635929228_408521584_o

“Bianco Tenebra. Giacomo Serpotta, il giorno e la notte” di Luca Scarlini

In occasione di Una Marina di Libri, Luca Scarlini presenta il suo libro dedicato a Giacomo Serpotta, edito da Sellerio. La presentazione è stata un'orazione piena di curiosità e di spunti di riflessione sulla unicità della produzione serpottiana e un invito alla comunità siciliana a promuovere la più alta tutela delle opere dello stuccatore. Con queste premesse impossibile perdere il libro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *