Home / #ErsuCultura / L’Ersu si prepara alla Giornata della Memoria
12545954_1103098569713768_134004803_o

L’Ersu si prepara alla Giornata della Memoria

Quanti di noi hanno avuto la possibilità di entrare in un campo di sterminio e vivere ‘metaforicamente’ gli orrori consumati in quei luoghi? Quanti di noi ne hanno avuto il coraggio soprattutto?

L’Ersu di Palermo, in collaborazione con l’Associazione “Nami”, presenterà nel pomeriggio del 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, una sala in ricordo della Shoah, presso la residenza universitaria Santissima Nunziata.

Sarà allestita una biblioteca composta da circa 200 libri sull’Olocausto, una postazione multimediale con immagini e video sul tema ed un percorso multisensoriale che accompagnerà gli ospiti in un viaggio per non dimenticare gli orrori della Shoah.

Non casuale la scelta del luogo: la residenza sorge, infatti, nella vecchia Giudecca, il quartiere ebraico di Palermo. Ancora una volta l’Ersu consolida la nuova veste multiculturale e mette in campo una struttura studentesca affinché possano essere i giovani i veri protagonisti e, senza alcun colore politico né schieramento ideologico, possano conservare e tenere viva la memoria.

I nuovi Spazi della memoria, sono in pieno allestimento. IostudioNews seguirà i lavori, sbirciando e anticipandone i particolari.

Eccone due: un abito e una valigia. Scopriremo nei prossimi giorni che spazio occuperanno nel percorso multisensoriale.

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Leggi anche

foto presentazione progetto 2

Al via il Programma Speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari Minori

Nella Sala Padre Pino Puglisi del Centro di Giustizia è stato presentato, con grande attenzione dei presenti, il “Programma speciale per l’istruzione e la formazione negli Istituti Penitenziari e nei Servizi Minorili della Giustizia”, che prende a cuore il reinserimento nella società dei giovani che scontano una pena, attraverso l’istruzione e la formazione, tenendo conto dei loro contesti sociali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *