Home / #Ambiente / Legambiente Sicilia e Legambiente Lojacono reclutano volontari
campi

Legambiente Sicilia e Legambiente Lojacono reclutano volontari

Sono aperte le iscrizioni per volontari al campo internazionale organizzato da Legambiente Lojacono e da Legambiente Sicilia, nell’ambito del progetto “Il Grifone”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio – Dipartimento Politiche giovanili e Servizio civile Nazionale.
A coordinare i volontari, un team di nove ragazzi, volontari naturalisti esperti che mira, attraverso la ristrutturazione del Rifugio “Grifone” di Piano Battaglia, a creare un Centro poli-funzionale, destinato alla divulgazione del patrimonio storico-ambientale e naturalistico del territorio in modo da attivare un nuovo network di turismo sostenibile e un Centro di Educazione Ambientale – Cea,  in cui svolgere attività laboratoriali mirate al coinvolgimento di alunni delle scuole e cittadini.


u pagghiaru

Al progetto hanno aderito volontari di tutte le nazionalità. In un mondo devastato dalle incomprensioni sociali e politiche che dividono gli uomini, in Sicilia si crea un piccolo centro di aggregazione di tante etnie e paesi come Turchia, Messico, Russia, Taiwan, Francia e Spagna unite dal desiderio di dare il proprio contribuito alla tutela e salvaguardia di un territorio tra i più ricchi di biodiversità al mondo.
Il progetto si divide in quattro cicli ciascuno della durata di due settimane, dalle attività del primo campo già concluse, il secondo terminato il 30 luglio, il terzo e il quarto sono compresi rispettivamente nei periodi dall’1 al 14 e dal 17 al 30 Agosto.
Tra le attività previste la costruzione di un antico pagliaio, il recupero di siti produttivi degli anfibi, la pulizia del sito archeologico di Muratore a Castellana Sicula.
Nei pressi di Castellana Sicula, il circolo e tutti i volontari partecipanti si sono occupati della costruzione di una struttura simbolo delle Madonie il cosiddetto”pagghiaru” , capannone di paglia e mattoncini anticamente ricovero di contadini, pastori e carbonai. L’obiettivo era quello di ricreare le perfette condizioni di un tipico ambiente contadino-pastorale, presente ancora nel panorama del parco madonita del primo dopoguerra, in modo che si presentasse come un museo all’aria aperta.
La fase di costruzione è stata affiancata da una conoscitiva della biodiversità locale in cui i ragazzi hanno individuato e piantato alcune specie della flora locale in particolare alcune varietà vegetali endemiche delle Madonie come la rosa canina, il rovo e il prugnolo.
Nel secondo campo sarà continuata l’opera di costruzione del pagliaio iniziata nel progetto precedente, verranno intraprese delle opere di ricostruzione e manutenzione di pozze e ambienti umidi adatti allo sviluppo e riproduzione della brachiofauna locale e la rinaturazione delle sponde.
La fase costruttiva sarà accompagnata da una istruttiva in cui esperti naturalisti istruiranno i volontari sulla biodiversità della fauna locale la piantumazione di specie vegetali autoctone di ambienti umidi.
Uno dei messaggi più importanti del lavoro comune svolto nei campi dai volontari è quello di condivisione e di valorizzazione della nostra terra, recentemente devastata dalla distruzione di larghe parti di bosco, flora e fauna in plurime zone dell’entroterra siciliano a causa di diversi  incendi dolosi risalenti a metà giugno del 2016. Uno scempio che non può e non deve essere dimenticato.

Sono ammessi al campo tutti i volontari dai 18 anni di età in su con disponibilità da un minimo di uno a un massimo di quindici giorni.

Chiunque fosse interessato a partecipare alle attività dei campi, può contattare gli indirizzi:

Luisa 3275827754 – luisa.sausa@gmail.com;

Giuseppe 3402914043 – g.pizzillo@yahoo.it

Tutte le informazioni sul sito: www.ilgrifone.org

Riguardo Giorgia Ciulla

Leggi anche

Mother breastfeeding child

Allattare, le ragioni spiegate alle giovani donne in 60 secondi

Il latte materno non è solamente il miglior alimento possibile per ogni neonato, ma è …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *