Home / Uncategorized / Le Vie dei Tesori: la Sicilia diventa un museo aperto
41688024_1052967511541676_7084626474048684032_n

Le Vie dei Tesori: la Sicilia diventa un museo aperto

Sono 130 quest’anno i luoghi che il Festival Le Vie dei Tesori apre nei cinque weekend compresi tra il 5 ottobre e il 4 novembre a Palermo, la città Capitale della Cultura 2018, dove la manifestazione è nata nel 2006 e dove è giunta nella sua dodicesima edizione. Quest’anno l’evento si allarga a tutta la Sicilia, con la partecipazione anche da parte di Enna, aggiungendo a Messina, Siracusa, Agrigento e Caltanissetta anche Catania e Trapani. Interverranno anche le città del barocco: Ragusa, Modica e Scicli, per un totale di circa 300 luoghi visitabili. La novità della presente edizione, inoltre, riguarda un progetto pilota che coinvolgerà quattro città italiane e comprensori del nord Italia: Milano, Mantova, Chioggia e la Valtellina.

I monumenti saranno visitabili con lo stesso strumento utilizzato per le passate edizioni: un coupon da 10 euro che consente 10 visite guidate (1 euro ciascuna); un coupon da 5 euro che consente 4 visite guidate o il coupon singolo da 2 euro. I coupon saranno acquistabili grazie al portale http://www.leviedeitesori.it, dove è possibile trovare schede informative dei luoghi in italiano e in lingua inglese.

Tra i luoghi visitabili si trovano: il carcere Ucciardone, oggi pieno di attività produttive e artistiche, che racconterà storie dimenticate; l’ex aeroporto militare di Boccadifalco, tra i più antichi in Italia, dove sarà possibile visitare il rifugio antiaereo appena scoperto e compiere un vero “battesimo del volo” sul Piper. Si aggiunge quest’anno, inoltre, una zona di refrigerio a Fondo Manciulla, scavata nella roccia da cui si intravede l’ingresso a un qanat: per anni è stata proprietà di una famiglia mafiosa, fino a quando, nel 1980, fu sequestrata dall’allora giudice istruttore Giovanni Falcone. E poi ancora il No Mafia Memorial appena nato sul Cassaro, l’abitazione del sacerdote Padre Puglisi, e il Giardino della Concordia di Pallavicino. Numerose le chiese aperte, tra cui figura Santa Venera, sconosciuta ai visitatori e arrampicata su una porzione di antiche mura sopravvissuta alla Kalsa.

La maggior parte dei siti sarà aperta dalle 10:00 alle 17:30. Sono invece 18 i luoghi – tra cui anche la collezione antiquaria di maioliche Athena e i depositi della Galleria d’arte moderna – visitabili solo su prenotazione sul sito, dove è possibile scegliere il giorno e l’orario di visita.

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

1-1

Più formazione per i revisori dei conti nel settore dell’Istruzione. La svolta dopo il vertice con l’assessore Roberto Lagalla

Un programma di formazione dell’Istituto Nazionale Revisori Legali nelle province siciliane sulle nuove modalità di controllo contabile. Nell’incontro dell’INRL Sicilia con l’Assessore Regionale dell'istruzione e della formazione professionale pieno avvallo dell’Assessorato alla programmazione di incontri sul territorio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *