Home / #ErsuCultura / Le vie dei tesori 2016, la presentazione a palazzo Alliata di Villafranca
Le vie dei tesori 2016

Le vie dei tesori 2016, la presentazione a palazzo Alliata di Villafranca

Le vie dei tesori 2016
Laura Anello, Presidente delle vie dei tesori

Martedì 20 settembre, presso  Palazzo Alliata di Villafranca a Piazza Bologni, è stata presentata la decima edizione delle vie dei tesori con la partecipazione di diversi ospiti istituzionali e sponsor della manifestazione tra cui: il sindaco Leoluca Orlando, il vicesindaco Emilio Arcuri, l’assessore regionale al turismo Anthony Barbagallo, il direttore ufficio beni culturali curia Renda,  la sovrintendente ai Beni culturali di Palermo Maria Elena Volpes e il direttore dell’Ufficio scolastico regionale Maria Luisa Altomonte.

A presentare e dirigere la presentazione è stata Laura Anello, presidente delle vie dei tesori. Il progetto è nato nel 2006 dalla volontà e l’impegno di cinque amici tra giornalisti e ricercatori, in seno all’università di Palermo. L’intento era quello di celebrare il Bicentenario della fondazione dell’università attraverso l’apertura delle porte ai cittadini, riscoprendo i tesori perduti.

Le vie dei tesori 2016

Da quella prima iniziativa molto è cambiato e quella scommessa è più che vinta. Oggi la manifestazione conta nuovi partner e il patrocinio non più solo di Comune e Regione ma anche del Ministero dei Beni Culturali e della Camera dei deputati. Ogni anno aumentano gli itinerari e i luoghi da ritrovare, arrivando dai 60 dell’edizione precedente ai 90 di quest’anno. Un incremento non soltanto in termini di offerta ma anche di risposta dei cittadini e turisti fruitori della città, arrivando nel 2015 a 152 mila visitatori.

Le vie dei tesori 2016

Più di 120 passeggiate organizzate, 7 luoghi dedicati ai bambini e 10 grandi eventi tra concerti e seminari con personalità di spicco della vita civile. Il culmine sarà il 28 ottobre al Teatro Massimo col concerto dei Radiodesrvish e di Antonella Ruggero e l’ultimo weekend di ottobre con una Notte bianca nei 9 siti dell’itinerario arabo-normanno appena riconosciuto dall’Unesco: Palazzo Reale e Cappella Palatina, chiesa di San Giovanni degli Eremiti, chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, chiesa di San Cataldo, Cattedrale, Zisa, Ponte dell’Ammiraglio, Cattedrale di Cefalù, Cattedrale di Monreale.

Ingressi al prezzo di 2 euro, ma potranno essere acquistati coupon da 10 euro per 10 visite a scelta oppure da 5 euro per 4 visite. Con 50 euro si potrà invece ottenere la carta gold, che garantisce accesso illimitato e la cifra servirà al restauro del portale di palazzo Alliata di Villafranca. Più di duecento i volontari e i ragazzi dei licei impegnati nell’iniziativa attraverso l’alternanza scuola lavoro.

Le vie dei tesori 2016

L’obiettivo”, afferma Laura Anello, “è abbattere i paletti tra le istituzioni mettendo così a sistema un patrimonio collettivo non sempre adeguatamente valorizzato (…) Non ci si pone la domanda di chi è quel luogo, se del comune, dell’università o della chiesa. Chiunque può venire a vedere e fruire della città”.

Il sindaco Orlando si è poi speso nei ringraziamenti per l’impegno dei promotori: “E’ un cambio culturale della società. Il più grande patrimonio di Palermo è Palermo, è un salto di qualità. Un cambio culturale che fa emergere la complessità e ricchezza della nostra città. Il cittadino non è un numero ma fruitore della cultura. La battaglia culturale la stiamo insieme vincendo.”

Sarà anche lanciata l’app gratuita della manifestazione, attraverso la quale si potranno avere le descrizioni su itinerari e luoghi in lingua francese e inglese. La Gesap, partner delle vie dei tesori, distribuirà gratuitamente mille coupon ai passeggeri internazionali che atterreranno a Palermo.

Si parte sabato 1 ottobre. Per maggiori info http://www.leviedeitesori.com/

Riguardo Giorgio Mineo

Giorgio Mineo
Nato a Palermo, 21 anni, studente di Giurisprudenza. Sono appassionato di giornalismo e politica. Il mio ispiratore è Enrico Berlinguer.

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

One comment

  1. Non conoscevo l’iniziativa che è molto bella e da sfruttare…se fossi a Palermo! Molto ben fatto l’articolo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *