Home / #ErsuCultura / Le streghe di Venezia: fiaba al Teatro Massimo
Le streghe di Venezia
ph Rosellina Garbo Photographer

Le streghe di Venezia: fiaba al Teatro Massimo

Il 29 aprile è andato in scena al Teatro Massimo di Palermo “Le streghe di Venezia”. Un’opera contemporanea musicata da  Philip Glass e sceneggiata da Vincenzo Cerami. L’orchestra è stata diretta da Francesco Lanzillotta, uno dei più promettenti direttori italiani.

L’opera

Ideata da Beni Montresor, “Le streghe di Venezia” è una fiaba che narra del re di Venezia che, senza eredi, cerca in ogni modo di avere un figlio.  Convoca alla sua corte dei filosofi ma questi non riescono nell’opera, e quando una fata fa dono al re di un bimbo-pianta egli non lo riconosce come tale perchè: «I fiori emanano profumi, non leggi per gli uomini». Dà ordine piuttosto che il bambino venga chiuso in giardino. Cominciano qui le peripezie del piccolo bambino-pianta che aiutato dal vento si spinge fino alla casa delle streghe dove troverà la bambina-pianta. Sulla scena si svolge il ballo estivo delle streghe a cui partecipa anche il re. Alla fine i due piccoli si incontrano e il padre riconosce il figlio. La conclusione è affidata alla domestica della regia la quale dedica il suo canto «al vino che fa cantar» e che allevia le difficoltà della vita.

Seppur con una struttura e con testi semplici, i temi affrontati sono parecchi e intensi: la capacità di apprezzare la diversità, la necessità dell’ebbrezza e la sua insufficienza, il dovere di cercare la bellezza per le pieghe della vita essendo l’infelicità ineliminabile.

Si può così ritenere che “Le streghe di Venezia”  sia basata sul tema della ricerca e della curiosità. La fiaba, allora, è dedicata ai bambini ma è un invito agli adulti. Lo spettacolo verrà replicato nei giorni 3, 4 e 5 Maggio.

Lo spettacolo

Se si volesse usare l’applausometro lo spettacolo non potrebbe dirsi riuscito sul pubblico palermitano. Un pubblico non affezionato alla modernità che digerisce difficilmente le interpretazioni moderne a meno che esse non siano colossali. Una spettatrice – per capire il sentimento di una parte del pubblico meno aperta alle novità – dalla platea e a spettacolo appena terminato, durante l’applauso finale, ha addirittura gridato la sua indignazione: “È una vergogna!”

L’opera può sembrare poco stimolante per un pubblico adulto, e forse, la reazione rivela che l’adulto ha davvero bisogno di riscoprirsi bambino, di ritrovare la capacità di incuriosirsi, di apprezzare la diversità e la novità. A qualcuno sarà sembrata dissacrante la musica minimalista di Glass – o come egli stesso la definisce “musica con strutture ripetute”–  ma è necessario e corretto che la Fondazione del Teatro Massimo si apra alla modernità e la porti in scena come nel rimanente panorama operistico europeo.

A una più accurata riflessione, i motivi per cui si possa ritenere ben riuscito ci sono e son parecchi.

Anzitutto per le capacità artistiche e di recitazione del cast e in particolar modo dei mimi (Valeria Almerighi, Valentina Apollone, Giulia Cutrona, Giovanni Prosperi, Daniele Savarino). Di Gabriella Costa nei panni della strega e della fata, di Valeria Tornatore nelle vesti della domestica, di Gianluca Bocchino interprete storico del “re di Venezia”, del simpaticissimo Orco, Salvatore Grigoli, dei piccoli Carlota Maestrini (bambina-pianta) e Riccardo Romeo (bambino-pianta). Eccellente la partecipazione dei gruppo dei SeiOttavi e straordinario anche il coro delle voci bianche di Palermo.

Infine, motivo per assistere allo spettacolo, la regia di Giorgio Barberio Corsetti. Con la sua squadra il regista fa nuovamente centro con la tecnica del Chroma Key che viene potenziata rispetto alla regia della Cenerentola attraverso la trasposizione di due scene in scala.

In una intervista al programma Rai “Prima della Prima” il regista  ha dichiarato: «È un modo per giocare con l’illusione e con la realtà e di formare i trucchi in diretta, che mi piace molto perché non ha nulla a che fare con i trucchi che ci vengono ammanniti come realtà, ma invece svelano i segreti: fanno vedere come è molto facile truccare le immagini e farle diventare qualcos’altro».

Riguardo Andrea Cannizzaro

Andrea Cannizzaro
Nato il 29 luglio 1994 a Palermo dove frequento il corso di studi in Giurisprudenza. La mia mail è andreacannizzaro94@gmail.com

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *