Home / #ErsuCultura / Le serve di Jean Genet al Teatro Biondo
dsc_0692

Le serve di Jean Genet al Teatro Biondo

 

«Uno straordinario esempio di continuo ribaltamento fra essere e apparire, fra immaginario e realtà», con queste parole Jean-Paul Sartre descriveva ” Le serve ” (Les bonnes) di Jean Genet, l’autore francese che con il suo teatro ha indubbiamente rivoluzionato la forma stessa della tragedia moderna.

A seguire le foto della prima dello spettacolo al Teatro Biondo di Palermo svoltasi il 25 novembre. Uno spettacolo noir diretto da Giovanni Anfuso con le magistrali Anna Bonaiuto, Manuela Mandracchia e Vanessa Gravina. Le repliche fino a domenica 4 dicembre.

Prossimo Precedente

teatro biondo le serve di genet

  dsc_0551

 

dsc_0553

dsc_0557

dsc_0558

dsc_0564

dsc_0571

dsc_0572

dsc_0574

dsc_0578

dsc_0579

dsc_0592

dsc_0596

 

  dsc_0603

dsc_0607

dsc_0612

dsc_0623

 
dsc_0632

dsc_0633

dsc_0634

dsc_0638

dsc_0642

dsc_0643

dsc_0644

dsc_0646

dsc_0647

dsc_0649

dsc_0652

dsc_0656

dsc_0657

dsc_0658

dsc_0663

dsc_0671

dsc_0678

dsc_0684

dsc_0688

dsc_0699

Prossimo Precedente

Riguardo Emanuela Chinnici

Leggi anche

Falstaff Ronconi ©Carlo Cofano Teatro Petruzzelli DSC_3267

Il ritorno di Falstaff al Teatro Massimo, dopo oltre mezzo secolo

Falstaff di Giuseppe Verdi torna ancora una volta al Teatro Massimo, venerdì 21 febbraio alle ore 20:00. Nel 1897 il Teatro Massimo era stato inaugurato proprio con il Falstaff; la sua ultima presenza in stagione risale a 23 anni, nel 1997, per il centenario dell’inaugurazione (ma al Politeama Garibaldi): al Teatro Massimo Falstaff è assente da oltre cinquant’anni. La prima di Falstaff sarà in coincidenza esatta con il quinto anniversario della morte di Luca Ronconi. In scena andrà infatti, in omaggio al grande regista, la sua terza versione di Falstaff, realizzata nel 2013 per il Teatro Petruzzelli di Bari in coproduzione con il Maggio Musicale Fiorentino e il San Carlo di Napoli, ora ripresa a Palermo dalla regista Marina Bianchi. In scena, con le scene di Tiziano Santi, i costumi di Tiziano Musetti e le luci di A. J. Weissbard, Ronconi ha creato un mondo intimo, dove le tante macchine presenti in scena – carri, tricicli, carrelli – rispondono alle complessità delle macchinazioni escogitate dai personaggi, in un mondo in perpetuo movimento. Uno spettacolo che Luca Ronconi definì “lineare e senza stupidaggini, senza finte trovate, leggibile da ogni persona di buon senso”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *