Home / #ErsuCultura / “Il lago dei cigni” in una interpretazione magistrale, ospite del Teatro Biondo di Palermo
26856196_1823007447722873_1500583564_n

“Il lago dei cigni” in una interpretazione magistrale, ospite del Teatro Biondo di Palermo

È il balletto più famoso del mondo, Il lago dei cigni, e continua a mantenere intatto tutto il suo fascino per l’atmosfera lunare che accompagna l’apparizione di Odette, per il doppio ruolo di Odette-Odile, cigno bianco e cigno nero, per l’eterna lotta fra il Bene e il Male.

E ieri, il palcoscenico del Teatro Biondo ha ospitato il prestigioso Balletto di San Pietroburgo – Classical Ballet Tradition, che ha messo in scena “Il lago dei cigni” in maniera magistrale.

In 4 atti, l’esibizione coinvolge lo spettatore cullandolo tra i due dei temi fondamentali della danza ottocentesca: la realtà e il sogno. Le scene, alcune ambientate nel castello, narrano la storia di un giovane principe in preda ai dubbi dell’amore; le altre, che si svolgono in un ambiente magico e misterioso, evocano la purezza e i dolori di figure innocenti dominate da un potere malefico. Balletto che nella sua geniale semplicità, sorretto dalla grande musica di Čajkovskij, seduce anche chi si accosta per la prima volta al mondo della danza.
Il Balletto di San Pietroburgo “Classical Ballet Tradition”, anticamente chiamato “Balletto sul Neva”, è una storica compagnia privata fondata a San Pietroburgo nel 1877.

I costumi e le scenografie sono state create appositamente per il tour italiano sulla base dei canoni artistici del grande Teatro Imperiale Russo. Le scenografie e le coreografie rispettano le regole tecniche e stilistiche della classica produzione di Marius Petipa, impegnando a tal fine i migliori scenografi russi di questi ultimi anni.

Curiosità: la prima rappresentazione deluse molto critica e pubblico. Reisinger operò tagli e manomissioni alla partitura originale e allestì in modo scadente le scene, lasciò ai ballerini il compito di improvvisare variazioni e passi: il risultato fu deludente. Anche l’orchestra uscì a testa bassa, eseguendo la partitura in modo scadente.

Oggi è un capolavoro, tra i più amati al mondo.

Ma la stagione 2017-2018 del Teatro Biondo è ancora nel pieno della sua programmazione, qui il calendario degli spettacoli con informazioni su costi e convenzioni: http://www.teatrobiondo.it/stagione-2017-2018/

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Check Also

SCUOLA DI CINEMA PIANO FOCALE 3

SCUOLA DI CINEMA PIANO FOCALE, ISCRIZIONI ENTRO SABATO 10 NOVEMBRE 2018

Frequentare nella propria città una scuola come Piano Focale è un’occasione unica perché dà la possibilità di studiare il cinema di base senza dover andare fuori dalla Sicilia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *