Home / #NotteBianca / La protesta degli Studenti contro il nuovo Isee
WP_20151210_008

La protesta degli Studenti contro il nuovo Isee

La protesta  è arrivata in modo eclatante in occasione della Notte Bianca di Palermo, con qualche momento di tensione stemperato poi dalla possibilità di dare la parola ai ragazzi  che protestavano. Hanno scelto il momento conclusivo della serata, alla presenza di rappresentanti di enti e università, ma soprattutto alla presenza dei rappresentanti del governo regionale cui era indirizzata la protesta: l’assessore all’istruzione che era in sala e l’assessore al bilancio collegato via skype.

Protagonisti dell’iniziativa gli “Studenti contro il nuovo Isee Palermo” che, ormai da mesi, esprime il proprio dissenso contro i disservizi nelle università e per la garanzia del diritto allo studio. Il gruppo fa parte di un movimento nazionale che ha preso piede nei maggiori poli accademici d’Italia.

Dopo una giornata di iniziative e di confronto con gli studenti che hanno preso parte ai lavori del C. di A. aperto al pubblico e alla conferenza stampa del pomeriggio, circa venti ragazzi sono entrati in sala durante l’inizio del tavolo tematico sul diritto allo studio, inneggiando lo slogan «Basta chiacchiere sul nostro futuro». Il gruppo per alcuni minuti ha preso la scena interrompendo i lavori: denunciano le mancanze della Regione, «complice del sistema centrale», e dei responsabili politici che avrebbero «supportato e anzi favorito le decisioni che hanno poi condotto a ridimensionamenti dei pasti, dei posti letto, dei servizi e, al contrario, all’aumento delle tasse». I protagonisti della protesta hanno quindi posto  un’accesa e forte manifestazione di dissenso contro i nuovi criteri utilizzati per l’elaborazione del calcolo Isee nell’università imposta dal governo Renzi. È stato chiesto agli organi locali competenti di rigettare tali norme dettate da Roma e consentire così agli Ersu siciliani l’adozione di più eque politiche che possano garantire realmente il diritto allo studio a una fascia più ampia della popolazione studentesca.

Dopo avere esposto il proprio punto di vista, gli “Studenti contro il nuovo Isee Palermo” si sono seduti insieme agli altri studenti ad ascoltare gli interventi e hanno lasciato che la serata procedesse con lo stesso tono di confronto con cui era iniziata.

Riguardo Miryam Lo Dato

Miryam Lo Dato
Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Palermo, specializzata in Filologia Moderna e Italianistica.

Leggi anche

università

Università, cresce il divario tra Nord e Sud

È stato presentato  a Palermo il Rapporto 2015 della Fondazione RES, dal titolo “Nuovi divari. …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *