Home / #ErsuCultura / La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica
primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classicadomenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov F. Liszt/Wagner

La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Insieme all’acclamata pianista australiana, di fama internazionale, Primavera Shima la stagione invernale di Palermo Classica termina con un programma su note pagine virtuosistiche e di massima espressione che hanno reso le personalità di TchaikovskyLiszt e Rachmaninov protagonisti del romanticismo ottocentesco. La profondità malinconica e decadente del compositore russo S. Rachmaninov, che si discosta dai suoi contemporanei rivolti a nuovi movimenti e manifestazioni dell’animo, si determina con le Variazioni sul tema della Follia, melodia popolare di ascendenza portoghese, reso noto dalle numerose rielaborazioni tra le quali quelle di Lully, Corelli e Liszt. All’esposizione iniziale del tema nella sua semplice e severa linea accordale Rachmaninov fa seguire venti variazioni più una breve coda che ripresenta l’idea di partenza. La Sonata n. 2 in Si minore manifesta il carattere stesso di F. Liszt; è così che la musica, con i suoi movimenti, da voce alle emozioni dell’autore. Composto nel 1886, P.I. Tchaikovsky mette in musica una scena rustica di un villaggio russo, Dumka, esprimendo il carattere narrativo ed elegiaco tipico del canto popolare slavo, di origine ucraina. Infine, l’opposizione tra l’amore sacro e profano e il senso infinito di Wagner esplode nell’appassionata versione per pianoforte dell’Ouverture del Tannhauser di F. Liszt . (Ornella Navanzino)

Il programma della serata comprende:

S. Rachmaninov (1873-1943)

Variazioni sul tema di Corelli(La Follia), Op. 42

F. Liszt (1811-1886)

Ballata n. 2 in Si minore per pianoforte, S. 171

I. Allegro moderato

II. Lento assai

III. Allegro deciso

P. I. Tchaikovsky (1840-1893)

Dumka, Op. 59

R. Wagner/F. Liszt

Ouverrture del Tannhauser, S. 442

Primavera Shima è stata premiata in tantissime competizioni internazionali. I suoi successi includono il primo premio e il premio audience alla settima edizione del “Mayenne International Piano Competition”, il secondo premio alla sedicesima edizione internazionale Scriabin a Grosseto, il terzo premio nel 2014 alla Philharmonic Orchestra International Piano Competition, e il premio speciale alla quinta edizione del Rhodes International Piano Competition. Primavera inoltre ha ricevuto il Tait Award e il Overseas Awards al Royal Over-Seas League Competition e il Managing Director’s Awards alla Jaques Samuel Intercollegiate Piano Competition. Nel 2010 diviene la prima doppia destinataria del premio Sterndale Bennet e della borsa di studio sin dalla sua fondazione 140 anni fa. Primavera ha dato recitals in luoghi come la Salle Cortot a Parigi, il Theatre Municipal in Mayenne e l’ Auditorium Gaber a Milano. Recentemente ha eseguito un recital da solista nella Sala Verdi a Milano per l’inaugurazione della stagione 2016/2017 per la Società dei Concerti. Si è esibita come solista con la East-West Philharmonic Orchestra, Grosseto Symphony Orchestra, Marocco Philharmonic Orchestra con rispettivamente Henryk Pisarek, Emir Saul e Olivier Holt. Nel Luglio 2014 viene invitata per l’inaugurazione del Festival Internazionale Palermo Classica eseguendo il concerto per Pianoforte e Orchestra Soiree di Nino Rota con la Palermo Classica Symphony Orchestra sotto la direzione di Stefano Mazzoleni. Primavera ha anche partecipato alla rassegna dedicata all’integrale delle sonate di L.V. Beethoven per Palermo Classica, dove ha eseguito l’ Op.110. Ad Agosto 2015 ha eseguito il Concerto N.1 di Keith Emerson (per la prima volta in Italia) e la Rapsodia in Blu di Gershwin sotto la direzione di Scott Jackson Wiley, con la partecipazione straordinaria di Emerson per ilo concerto di chiusura del Festival Palermo Classica. Primavera ha ricevuto il Diploma Superiore di Concertista al Ecole Normale de Musique a Parigi, ed ha conseguito la Laurea ad honorem alla Royal Academy of Music di Londra dopo aver studiato al Colburn Conservatory e alla Julliard School. Ha studiato con John Perry, Margaret Hair, Elizabeth Powell, Ian Fountain e Marian Rybicki.

L’Accademia Palermo Classica vuole divulgare in maniera più ampia la cultura musicale, convinta del fatto che essa possa innalzare la conoscenza e la consapevolezza delle persone, favorirne l´inclusione sociale e migliorarne quindi la qualità della vita. Un festival di alto livello, motivo d´orgoglio per Palermo e tutta la Sicilia che mira a contribuire allo sviluppo e alla buona immagine della regione stessa. L’obiettivo è portare la musica classica in una realtà artistica più ampia, rendendola e facendola percepire più vicina a noi di quanto già non lo sia e generando al tempo stesso consenso verso quel pubblico generalmente lontano da questo genere di iniziative.

Accademia Palermo Classica – Telefono: +39 091 332208 – Mobile: +39 366 4226337 info@palermoclassica.it

 

Riguardo Giorgio Masi

Giorgio Masi
Nato a Palermo, ha conseguito la laurea in Musicologia al D.A.M.S. di Bologna. Tornato nella città natale, si interessa agli eventi culturali e musicali.

Leggi anche

foto orchestra jazz siciliana

Il fascino dell’armonica e la musica jazz: “Tribute to Toots Thielemans”, il 30 marzo.

Sabato 30 marzo ore 19:00 e 21:00, al Real Teatro Santa Cecilia, Tribute to Toots Thielemans con Giuseppe Milici e l'Orchestra jazz siciliana. Una sequenza di emozioni quella proposta dalla Fondazione the Brass Group per il concerto "Tribute to Toots Thielemans" con Giuseppe Milici accompagnato dall'Orchestra Jazz Siciliana diretta da Domenico Riina, in programma sabato 30 marzo con doppio turno, alle ore 19.00 e 21.30, al Real Teatro Santa Cecilia. Quando accade che l'armonica a bocca si piega alle forme dell'improvvisazione jazzistica, la magia del suo suono incanta sempre il pubblico e regala alle composizioni eseguite un fascino tutto particolare. A livello internazionale, la figura artistica che si staglia imponente su tutte è certamente quella del belga Toots Thielemans. Thielemans è di sicuro il musicista che più di ogni altro ha portato l'armonica allo stato dell'arte, schiudendole nuovi ed ampi orizzonti nel jazz e non a caso è divenuto popolare in tutto il mondo, presso un pubblico assai eterogeneo, come "Mister Armonica". E' proprio nel solco tracciato da Thielemans che Giuseppe Milici si è costruito negli anni una solida reputazione internazionale come uno dei pochi specialisti di armonica cromatica che siano capaci di impiegare lo strumento non solo in eclettici ambiti pop ma anche in contesti rigorosamente jazzistici. Più volte applaudito ospite dei cartelloni del Brass Group, il musicista palermitano, accompagnato dall'Orchestra Jazz Siciliana diretta da Domenico Riina, stavolta propone un omaggio proprio a Toots Thielemans ed al suo repertorio, in ciò saldando un debito di riconoscenza verso colui che lo ha determinato a dedicarsi all'armonica. Con il leggendario "Mister Armonica" Milici ha intrattenuto rapporti di studio ed un fitto scambio di consigli fino alla sua scomparsa ed in alcune occasioni lo ha incontrato di persona (come nel dicembre 1985 in cui Thielemans, al suo primo concerto palermitano, era accompagnato da un ampio organico jazz-sinfonico diretto da Ignazio Garsia), giungendo pure a condividere con l'insigne maestro il palco del Teatro di Verdura nell'agosto 1997. Del grande musicista belga va ricordata anche una terza esibizione al Teatro Metropolitan nel febbraio 1991, anche questa volta su invito del Brass Group. Nel rievocare quei tre concerti, eventi cruciali della storia musicale della nostra città, la Fondazione ha allestito una produzione originale affidando a Milici e Riina il compito di impaginare un programma di grande suggestione che, alternando sapientemente morbide melodie e atmosfere ritmicamente più accese, affresca magnificamente la figura del grande armonicista belga sia come esecutore che come compositore. La scaletta ripercorre molti dei capolavori che facevano parte del suo abituale repertorio, a cominciare da "Bluesette" e "The Dragon", brani scritti dallo stesso Thielemans e subito divenuti jazz standard tra i più eseguiti, e proseguendo con "Killer Joe" e "The shadow of your smile", "St. Thomas" scaturito dalla penna del "saxophone colossus" Sonny Rollins, "My little suede shoes" del mitico "Bird" Charlie Parker, "Imagine", celeberrima e struggente elegia di John Lennon e il capolavoro afrocubano di Dizzy Gillespie "Manteca".

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *