Home / #IoDicoLaMia / La Fisica dei Supereroi, un modo diverso di guardare la fisica

La Fisica dei Supereroi, un modo diverso di guardare la fisica

“Se una volta sospettavo che i miei studenti considerassero lo studio della fisica una perdita di tempo, qualche anno fa mi tolsi ogni dubbio.” Inizia così il libro “ La Fisica dei Supereroi ” di James Kakalios, professore di fisica e astronomia all’Università del Minnesota e grande appassionato di fumetti.

Partendo quindi dalla necessità e dalla voglia di rendere più interessante la materia agli studenti, Kakalios introdusse nel 2001  un seminario dal titolo “Tutto ciò che so della scienza l’ho imparato dai fumetti”.

Un vero e proprio corso di fisica, ma con esempi del tutto diversi dal solito: anziché parlare di pendoli o corpi che rotolano su piani inclinati, parte dalle avventure dei supereroi mascherati per spiegare i fenomeni fisici.fisica_supereroi

Sulla base di quello ed altri seminari realizzati nel corso della sua carriera accademica, Kakalios scrive questo libro, che certamente risulta parecchio semplificato per essere di facile comprensione sia per chi non è esperto di fisica sia per chi conosce poco il mondo del fumetto, ma mostra un approccio totalmente differente alla materia che incuriosisce anche il lettore più esperto.

Leggendo il libro scopriamo così quanto deve essere forte Superman per riuscire a superare un grattacielo con un salto, se è fisicamente possibile rimpicciolirsi come Ant-Man oppure come fa Flash ad attraversare le pareti grazie ad effetti quantistici.

Kakalios inoltre dimostra come grazie alla fisica si possono risolvere alcuni del grandi interrogativi del fumetto: si scopre che la fidanzata di Spiderman, Gwen Stacy, sia stata uccisa non tanto da Goblin (che l’aveva gettata da un ponte), ma dal contraccolpo provocatole dalla ragnatela nel tentativo di salvataggio dello stesso Spiderman, che le causa lo spezzamento del collo. Tutto questo per il principio basilare della conservazione della quantità di moto.

Possiamo dedurre quindi che “ La Fisica dei Supereroi ” è un libro che fa molto riflettere, non soltanto su quanto mi mondo dei fumetti possa rappresentare con esattezza le più svariate situazioni nel campo della fisica, ma anche su quanto sia importante la didattica per far apprezzare agli studenti una determinata materia.

Riguardo Alessandro Pensabene

Alessandro Pensabene
Studente di Ingegneria Meccanica. Appassionato di fumetto e politica.

Check Also

umbertoeco-654x404

“Come fare una tesi di laurea”: i consigli di Umberto Eco

“Siate umili e prudenti prima di aprir bocca, ma quando l’avete aperta siate superbi e orgogliosi”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *