Home / #FLMPa / La Consulta delle culture sostiene il Festival delle Letterature migranti
festival-letterature-migranti-570x300

La Consulta delle culture sostiene il Festival delle Letterature migranti

Palazzo Cefalà ospita due delle conferenze della quarta giornata del Festival delle Letterature migranti. Giorno 10 ottobre è Adham Darawsha, presidente della Consulta delle Culture, ad aprire l’incontro scandito da due momenti: Storie di tratte e di donne e Derive.
Ospiti del giorno Isoke Aikpitany e Flore Murard Yovanovitch che hanno offerto la loro testimonianza su argomenti quanto mai attuali.

Più che significativa, inoltre, la scelta di Palazzo Cefalà, costruzione medioevale una volta sede della Zecca del Regno, oggi sede della Consulta delle Culture, organismo di rappresentanza delle diverse comunità migranti a Palermo. Essa infatti rappresenta la quarta istituzione della città, capace di dar voce agli immigrati che possono quindi confrontarsi con le altre istituzioni. È l’organo rappresentativo di tutti quelli con una nazionalità diversa da quella italiana o che hanno acquisito la cittadinanza italiana, ed è un organo consultivo e propositivo per le scelte di governo dell’amministrazione.

La consulta ha inoltre approvato la Carta di Palermo: Mobilità umana internazionale, col proposito di abolire il permesso di soggiorno e riformare radicalmente la legge sulla cittadinanza. Quest’ultimo rappresenta un atto storico per la città di Palermo, un atto di civiltà e di umanità che va oltre tutte le barriere della discriminazione. La Consulta delle culture permette e favorisce la piena integrazione e partecipazione politica, oltre ad essere diventato un punto di riferimento per le diverse comunità migranti.

Adham Darawsha, oggi in veste di presidente, modera gli incontri compiaciuto del sostegno del Comune di Palermo. Reputa necessario il potere di un organo come la Consulta delle culture che sia d’appoggio per chi non ha voce, e che sproni all’integrazione e alla rivendicazione dei propri diritti sacrosanti.

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Leggi anche

Adriano Sofri racconta Kafka al Festival delle Letterature Migranti

Adriano Sofri presenta il suo ultimo libro “Una variazione di Kafka” al Festival delle Letterature Migranti. Durante la terza giornata della manifestazione Davide Camarrone, Direttore artistico dell’evento, dialoga con l’autore allo Steri, ragionando su...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *