Home / #Mondo / La canzone dei bambini siriani per fermare la guerra
https://www.google.it/search?q=i+nostri+cuori+battono+ancora&espv=2&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwj46sbXpfzSAhVEOhQKHWUADRQQ_AUIBigB&biw=1366&bih=662#imgrc=dJjttPHUk5D6aM:
https://www.google.it/search?q=i+nostri+cuori+battono+ancora&espv=2&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwj46sbXpfzSAhVEOhQKHWUADRQQ_AUIBigB&biw=1366&bih=662#imgrc=dJjttPHUk5D6aM:

La canzone dei bambini siriani per fermare la guerra

Grazie alla collaborazione dell’UNICEF, Ansam, una bambina siriana di 10 anni, non vedente dalla nascita, ha potuto realizzare una canzone assieme a tanti altri bambini della Siria. Ansam a causa dei combattimenti è stata costretta ad abbandonare la sua casa ed adesso è stata accolta dal centro di recupero psicosociale dell’UNICEF, dove si aiutano i bambini a superare i traumi della guerra.

Una canzone per esprimere il dolore per la guerra e per sperare in un futuro diverso dal presente.

Non scegliamo il posto in cui nascere, eppure questo condiziona la nostra cultura, il nostro modo di vivere e in senso lato la nostra vita. È quindi una colpa nascere in un Paese in cui è in corso un conflitto armato, come la Siria? La risposta è palesemente negativa, eppure si è comunque costretti a pagarne le conseguenze. Inoltre a subire le atrocità di una guerra sono sempre i più vulnerabili, che allo stesso tempo sono i più estranei al conflitto: i minori, a cui dovrebbero solo garantirsi le cose più semplici, forse, per quell’età, spensieratezza e felicità. E invece la realtà è diversa. Su di essi viene scaricata, con tutta la sua efferatezza, una guerra che non conosce nessuna forma di rispetto di diritto umanitario. “Distruzione e fuoco attorno a noi– dice la canzone di Ansam, intitolata “Il battito del cuore”la nostra ferita è profonda. Vogliamo gridare, ma la nostra voce è debole. Noi siamo bambini e il nostro grido viene dal cuore, vogliamo cancellare la paura ed essere il cambiamento. Vogliamo gridarlo forte: tutto è possibile. Ascoltateci e sentiteci rivogliamo la nostra infanzia”.

Oggi quella di Ansam è la voce di tutti i bambini che vogliono sperare nel futuro. A loro è stato rubato il presente, ma di certo nessuna guerra potrebbe mai togliergli la possibilità di immaginare una Siria più colorata. Ma adesso a loro è concesso nulla di più di questo grido:“Scriviamo questa canzone con il dolore, la paura e le lacrime. I nostri cuori battono ancora. I nostri sorrisi sono ovunque”.

Riguardo Salvatore Casarrubea

Salvatore Casarrubea
Classe '94, diplomato al Liceo Classico, attualmente frequento la facoltà di Giurisprudenza. Mail: salvocasarrubea@gmail.com

Check Also

pianeta terra

Buon 2019, con un pensiero rivolto a tutti i bambini del mondo

La redazione di Iostudio rivolge a tutti un augurio di buon 2019, con un pensiero …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *