Home / #ErsuCultura / Italiani cìncali: le storie degli emigrati italiani del secondo dopoguerra al Teatro Biondo
italiani cincali

Italiani cìncali: le storie degli emigrati italiani del secondo dopoguerra al Teatro Biondo

Si è svolto ieri sera il debutto dello spettacolo “Italiani cìncali”,  nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo. Lopera verrà replicata fino al 12 febbraio. Protagonista dello spettacolo lo stesso autore, Mario Perrotta, il quale ha incantato il pubblico in un bellissimo monologo, in una scenografia che prevedeva solo una sedia e un bicchiere d’acqua.

Italiani_Cìncali_2Al centro della trama il progetto mandato avanti dall’autore che vuole riportare alla luce le storie degli italiani del secondo dopoguerra, costretti a lasciare la propria terra e la famiglia per cercare un futuro migliore. Ed è proprio dalla sua terra d’origine, la Puglia, che inizia questo progetto. E’ in un luogo comune come quello di un bar del Salento che il protagonista si sente dire “qui tutti siamo emigrati”. Da qui il racconto di un postino, incaricato a consegnare e leggere le lettere alle famiglie di chi aveva lasciato tutto. Attraverso la lettura delle lettere, il postino aveva compreso una triste realtà: la miseria del dopoguerra li aveva costretti a partire per trovarne altrettanta nelle miniere di carbone del Belgio dove erano costretti a lavorare.

Una storia toccante e piena di emozione, un vero e proprio richiamo alla memoria, di un periodo storico, critico, in un cui uomini da ogni parte della penisola lasciavano le proprie case per contribuire alla ricostruzione di un’Europa distrutta dalla guerra.  

Perrotta si sofferma sulle condizioni critiche in cui erano costretti a vivere gli emigrati, ma anche sui pregiudizi. Da qui il titolo, “Italiani cìncali”, cioè il modo in cui gli svizzeri chiamavano gli italiani: cìncali, cioè zingari.

Italiani_Cìncali_4

Un travolgente Mario Perrotta, che ci fa entrare nel cuore di chi ha vissuto quella pagina della storia italiana, che ci invita così non solo a ricordare quegli uomini, le loro condizioni fatiscenti, ma anche la crisi a cui l’Italia fa fronte. “Tutti qui siamo emigrati” e non si può rimanere indifferenti alle storie di chi oggi sale su un barcone e va in mare aperto, scappando dalla miseria e dalla guerra.

Riguardo Mariacarmela Misuraca

24 anni, Ribera. Laureata in Studi Filosofici e storici presso l'Università di Palermo. Attualmente sono laureanda in Scienze filosofiche.

Leggi anche

UniPa e Teatro Biondo_Cdl in Discipline delle arti della musica e dello spettacolo curriculum Recitazione e professioni della scena

Nasce a Palermo il primo corso di studi universitario d’Italia dedicato alla recitazione, alla regia e alla drammaturgia

. Per iniziativa congiunta dell’Università di Palermo e del Teatro Biondo, con la collaborazione della …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *