Home / #Ambiente / #IoAmoLaMiaSpiaggia, campagna di sensibilizzazione per una Mondello pulita
Immagine tratta da ioamolamiaspiaggia.it
Immagine tratta da ioamolamiaspiaggia.it

#IoAmoLaMiaSpiaggia, campagna di sensibilizzazione per una Mondello pulita

Un rifiuto raccolto sulla spiaggia libera di Mondello e inviato a casa ad un migliaio di palermitani dentro una scatola. Si tratta della campagna di sensibilizzazione all’inquinamento e allo smaltimento dei rifiuti del progetto #IoAmoLaMiaSpiaggia, realizzato  dall’azienda vinicola Tasca d’Almerita che ha sostenuto, inoltre, con un  contributo  l’acquisto del macchinario “Scam Cavalluccio” della società Reset per la pulizia delle spiagge.

Immagine tratta da ioamolamiaspiaggia.it
Immagine tratta da ioamolamiaspiaggia.it

I destinatari del pacco, realizzato con materiali ecosostenibili, sono stati selezionati grazie all’aiuto di Seat Pagine Bianche. Oltre al rifiuto, che conteneva uno tra bottiglie, bicchieri, tappi in plastica e simili, i palermitani hanno trovato una cartolina illustrante il progetto, la richiesta di smaltirlo e di condividere l’iniziativa su Facebook.
Come dice lo slogan del progetto, “tutto ciò che rimane vicino al mare, prima o poi, ritorna” e questo accade, purtroppo, con gravi conseguenze per la nostra salute e per il nostro pianeta.

Immagine tratta da ioamolamiaspiaggia.it
Immagine tratta da ioamolamiaspiaggia.it

Un sacchetto di plastica impiega dai 300 ai 1000 anni affinchè si degradi, sfaldandosi in piccoli pezzi viene mangiato dai pesci. Il tempo medio di degradazione di una bottiglia di vetro è di circa 1000 anni, quello di una lattina d’alluminio è di 500 anni, senza contare che le linguette si trasformano in lame affilatissime che vengono spesso scambiate per cibo dai pesci e per giochi dai bambini. Un mozzicone di sigaretta contiene più di 4000 composti chimici e, se ingerito accidentalmente da bambini o piccoli animali, può essere mortale.
Basta poco per contribuire a mantenere le nostre spiagge pulite, occorre soltanto buttare i rifiuti negli appositi contenitori, un piccolo gesto che dovrebbe essere normale per tutti. L’iniziativa nasce per educare i cittadini e spingerli a prendersi cura della spiaggia, un bene che appartiene a tutta la città, oltre che ed è una risorsa per il turismo.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

la Copia_Allegato1_RAP-S.p.A._Brochure-info-sulla-raccolta-differenziata

Raccolta differenziata dei rifiuti. Il direttore dell’Ersu scrive agli studenti ospiti delle residenze universitarie

La lettera del direttore ERSU sul nuovo sistema di raccolta differenziata

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *