Home / #DopoLaurea / INPS, in arrivo 5700 borse di studio riservate
immagine: fiscoequo.it
immagine: fiscoequo.it

INPS, in arrivo 5700 borse di studio riservate

L’Istituto Nazionale Previdenza Sociale ha pubblicato il nuovo bando per l’assegnazione di oltre 5700 borse di studio per la frequenza di Master e Corsi presso Università italiane e straniere.
Il bando è finalizzato all’erogazione di 5.400 borse di studio per Corsi universitari di laurea e di specializzazione post lauream, e 320 borse di studio per Dottorati di ricerca, con riferimento all’anno accademico 2013 2014.
contributi economici previsti dal bando sono rivolti a giovani under 32 e hanno un importo fino a 3Mila Euro.
E’ possibile richirdere le borse fino al 18 febbraio 2016.

fonte: inps.it
fonte: inps.it

Le sovvenzioni economiche sono riservate ai figli e orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e alla Gestione Assistenza Magistrale, dei pensionati iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici e dei dipendenti iscritti al Fondo Ipost.
Possono partecipare al bando per borse di studio INPS gli studenti in possesso dei seguenti requisiti generali:
– età inferiore ai 32 anni;
– indicatore ISEE valido, riferito al proprio nucleo familiare;
– non aver già fruito, per l’anno accademico 2013 2014, di altri contributi economici analoghi erogati dall’INPs, dallo Stato, dagli Enti regionali per il diritto allo studio universitario o da altre Istituzioni pubbliche o private, di valore superiore al 50% dell’importo della borsa di studio messa a concorso.
Per i concorrenti che richiedono le borse di studio per Corsi universitari di laurea è richiesto, inoltre, il possesso delle seguenti caratteristiche specifiche:
– non essere stati ripetenti o iscritti fuori corso per l’anno accademico 2013 2014;
– aver sostenuto tutti gli esami e aver conseguito tutti i crediti previsti dal piano degli studi relativamente all’A.A. oggetto del bando;
– aver conseguito una media di almeno 26 / 30 riferita a tutti gli esami dell’anno accademico 2013 2014.
In caso di conseguimento della laurea nell’anno accademico di riferimento, occorre aver riportato una votazione minima di 95 / 110, o equivalente. Per le borse di studio per Master e specializzazioni post lauream, e per quelle per il Dottorato di ricerca, è necessario, inoltre, essere iscritti al relativo corso per l’anno accademico 2013 2014, ed essersi laureati, rispettivamente, con votazione non inferiore a 99 / 110 e a 105 / 110.

Le borse di studio messa a bando dall’Inps sono 5.740, così suddise:
a. 5.100 sovvenzioni per Corsi universitari di laurea, di cui
– n. 4.000 riservate alla Gestione unitaria prestazioni creditizie e sociali – importo 2.000 Euro ciascuna;
– n. 1.000 riservate alla Gestione Assistenza Magistrale – importo 2.000 Euro ciascuna;
– n. 100 riservate agli Iscritti al fondo IPOST – importo 2.000 Euro ciascuna;
b. n. 300 sovvenzioni per Corsi universitari di specializzazione post lauream, di cui
– n. 200 riservate alla Gestione unitaria prestazioni creditizie e sociali – importo 1.000 Euro ciascuna;
– n. 50 riservate alla Gestione Assistenza Magistrale – importo 1.000 Euro ciascuna;
– n. 50 riservate agli Iscritti al fondo IPOST – importo 1.000 Euro ciascuna;
c. n. 320 sovvenzioni per Dottorati di ricerca, di cui
– n. 300 riservate alla Gestione unitaria prestazioni creditizie e sociali – importo 3.000 Euro l’anno;
– n. 20 riservate alla Gestione Assistenza Magistrale – importo 3.000 Euro l’anno.
Le domande di partecipazione devono essere inoltrate, secondo le modalità indicate nel bando, attraverso l’apposita procedura online che sarà resa disponibile, a partire dalle ore 12.00 del 18 gennaio 2016 e fino alle ore 12.00 del 18 febbraio 2016, attraverso il sito web dell’INPS. In particolare questa è la sezione dedicata ai bandi attivi relativi alle borse di studio.

Per utilizzare il servizio occorre essere iscritti nella banca dati dell’INPS. I non iscritti possono effettuare preventivamente l’iscrizione seguendo le modalità indicate nell’avviso di selezione, all’art. 4 ‘La domanda di iscrizione in banca dati e la richiesta del PIN’.

Riguardo Giuseppe Palazzotto

Studente in Ingegneria Informatica, Laurea Magistrale. E' stato rappresentante degli studenti presso la Scuola Politecnica ed il Consiglio di corso di studi. E' tra i fondatori del blog www.lalapa.it Nel sociale svolge attività con il Rotaract Club Palermo Agorà. E' stato giocatore a livello agonistico di scacchi ed ora nel tempo libero svolge attività riconosciuta dal Coni e dalla Federazione come istruttore ed arbitro.

Leggi anche

lavori ricercati

Dieci cose da fare il primo giorno di lavoro

Tantissimi giovani si trovano ad affrontare la sfida del primo giorno di lavoro, e  si chiedono come affrontarlo …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *