Home / #ErsuCultura / “Indictus – La terra è di nessuno”: in arrivo la prima web serie siciliana
indictus

“Indictus – La terra è di nessuno”: in arrivo la prima web serie siciliana

Il cinema in Sicilia non racconta solo la mafia. “Indictus – La Terra è di Nessuno” è la prima web series tutta siciliana che, con una chiave di lettura inedita, riprende la storia di Ruggero d’Altavilla e di come, sotto la sua dinastia, si giunse all’incontro-scontro ed alla conseguente contaminazione fra Arabi e Normanni in Sicilia.

Liberamente tratta dal manoscritto di Goffredo Malaterra, che racconta, come mai era stato fatto prima, delle origini normanne in Sicilia e della storia dei borghi delle Madonie, “Indictus” è un’opera del giovane regista madonita Francesco Dinolfo, scritta da Marianna Lo Pizzo, che ha vinto il bando della Film Commission della Regione Sicilia – primo bando pubblicato in Italia da una amministrazione pubblica dedicato alla produzione di web serie per under35.

La web serie, disponibile su YouTube dal 18 gennaio, racconterà in 7 puntate lo scontro tra Arabi e Normanni, avvenuto nel XI secolo in Sicilia. Cuore del racconto è la leggendaria battaglia di Cerami del 1063, nella quale soltanto 46 soldati normanni sconfissero un esercito di oltre 3000 arabi.

indictus2La serie, a metà tra storia e leggenda, in una Sicilia magica e misteriosa, è stata girata in 11 comuni dell’entroterra, di cui tre Borghi più Belli d’Italia, Sperlinga, Gangi e Geraci Siculo, insieme a Petralia Sottana, Marsala, Caltavuturo, Caccamo, Pollina, la Camera delle Meraviglie di Palermo e due installazioni della Fiumara d’Arte.

Tra duelli, combattimenti, castelli medievali e panoramiche mozzafiato di mari e montagne selvagge, saranno raccontati i tradimenti e gli inganni alla corte di Ruggero d’Altavilla, la vicenda personale di Serlon, archetipo dell’uomo moderno, protagonista amletico alla ricerca della propria libertà e ponte tra le culture, la brama di conquista del popolo normanno e di prevaricazione del mondo arabo.

Non è una rappresentazione fedele dei fatti, ma la sintesi di due punti di vista, talvolta contrapposti, delle vicende che portarono alla Battaglia di Cerami: il detto e il non detto (indictus appunto): la storia, scritta dai vincitori, e la memoria, tramandata dai vinti.

Siamo intorno all’anno mille e nel passato rivive la storia del nostro tempo“, spiega il regista Francesco Dinolfo.

Con Palermo Capitale della Cultura 2018 e l’anno dei Borghi Italiani 2017, Indictus si attesta sicuramente come anticipatore e si presenta come uno dei progetti più visionari delle serie web italiane” scrive l’agenzia Reverse, main partner del progetto.

Il progetto del regista Francesco Dinolfo è partito due anni fa, con la vittoria del concorso indetto dalla Sicilia Film Commission, che ha premiato l’idea progettuale e la qualità del trailer dimostrativo assegnando ad “Indictus” il primo posto.

Il primo ciak è stato girato a Gangi lo scorso 22 maggio, presso le rovine della masseria di contrada Bordonaro e intorno alla Torre dei Ventimiglia. La produzione è rimasta fedele al territorio, pescando fra le maestranze siciliane il cast creativo. In attesa della pubblicazione della serie, su YouTube è stato caricato il trailer.

 

Riguardo Eliseo Davì

Eliseo Davì
Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola" e ho collaborato con "L'ora". E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.

Check Also

22519419_1603230273080553_3510654356679283208_n

Rassegna cinematografica “Prime visioni”, al Rouge et Noir la serata conclusiva

Il CSC ha scelto il Rouge et Noir, crogiolo della vita palermitana, per la conclusione di un percorso che mette in mostra il frutto dell’impegno degli studenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *