Home / #Mondo / Imprigionati in una stanza, un’ora per scappare: i live game approdano a Palermo
Foto tratta da intrappola.to
Foto tratta da intrappola.to

Imprigionati in una stanza, un’ora per scappare: i live game approdano a Palermo

Rinchiusi in una stanza semibuia e 60 minuti di tempo per uscirne. Un videogame, degno di Saw l’enigmista, che diventa realtà tra un mix di suspence e atmosfera horror.

Foto tratta da intrappola.to
Foto tratta da intrappola.to

Enigmi, indizi da decifrare, codici, combinazioni e lucchetti da aprire, il tutto per trovare la via di fuga. Si chiama Intrappola.To ed è la nuova frontiera del divertimento. Dopo il grande successo riscosso all’estero e in Italia, il live game più accattivante del momento arriva anche a Palermo. Infatti, anche nel capoluogo siciliano, non ci si accontenta più del lasergame, per questo, sono arrivate le escape room che traggono ispirazione dai film horror.
La porta di ingresso è anonima, non c’è nessun tipo di accoglienza, solo un codice di ingresso inviato via email dopo l’iscrizione on line effettuata sul sito. Digitato il codice, si apre la porta magica. Da quel momento scattano i 60 minuti di tempo per risolvere una serie di quiz logici ed enigmi rinchiusi in una sorta di cella. Da qui il nome «Intrappola.To». Sono in pochi quelli che trovano la via d’uscita, solo il 2% ci riesce. Ma nulla è perduto, si può ritentare una prossima volta, basta solo prenotare giorno ed ora. Meglio farlo con anticipo, per via delle numerose richieste. E, perché no, i più temerari possono anche decidere di entrare all’ una e trenta del mattino.

Foto tratta da glispazi.it
Foto tratta da glispazi.it

E, come se non bastasse, i giocatori sono soli fin dal loro arrivo e, forse, è proprio questa la caratteristica che rende Intrappola.TO diverso da tutti gli altri giochi.
Non adatto ai claustrofoci e ai deboli di cuore.
Le squadre sono composte da un minimo di 2 ad un massimo di 6 persone, ad un prezzo di 60€ a gruppo.
A torino, il gioco è diventata la quarta attrazione della città su Tripadvisior, dopo lo stadio della Juventus, il museo del Cinema e l’Egizio. Insomma, l’esperienza da «Saw-l’enigmista» attira tutti. Il gioco, infatti, è adatto dai 6 anni in su.
Il luna park o la panic room, che dir si voglia, apre la sua prima sede siciliana in via Spinuzza a Palermo, a pochi passi dal Teatro Massimo. Non resta che provare l’esperienza misteriosa!

Riguardo Giorgia La Marca

Check Also

Società Canottieri Palermo (da sin.: Roberto Fiore, Francesco Cappello, Eduardo Traina, Giorgia Lo Bue, Serena Lo Bue, Benedetto Vitale)

Canottieri Palermo e Scuola di Medicina dello Sport, un accordo da medaglia d’oro

Canottieri Palermo e Scuola di specializzazione di Medicina dello Sport firmano una convenzione che suggella un rapporto che fa da supporto a grandi campioni come le sorelle Lo Bue, campionesse mondiali di canottaggio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *