Home / #unamarinadilibri / Il trionfo della Morte di Palermo. Un’allegoria della modernità. La presentazione a “Una Marina di libri”
20170608_201649

Il trionfo della Morte di Palermo. Un’allegoria della modernità. La presentazione a “Una Marina di libri”

Ciascun palermitano ha un rapporto particolare con l’affresco “Il Trionfo della Morte” custodito presso Palazzo Abatellis. Studiato al liceo, osservato almeno una volta, chiunque abbia ammirato la bellezza dell’affresco si sarà per un attimo immedesimato in quella scena immanente ed eterna nel suo dramma.

20170608_201758

Le interpretazioni del quadro sono infinite ma se c’è un motivo per cui “Il trionfo della morte di Palermo. Un’allegoria della modernità” di Michele Cometa va letto è perchè esso tenta di fare emergere dal quadro, a distanza di anni, le energie in esso rimaste assopite per 600 anni secondo le la filosofia del New Historicism.

Il libro è stato presentato dall’autore con Anna Li Vigni, Fabrizio Micari, rettore dell’università e da Andrea Sciascia.

Per descrivere gli interventi non c’è migliore espressione che quella dell’autore il quale rivolgendosi ai relatori ha affermato: “Avete fatto quello che occorre fare quando si legge un libro. Dire quello che l’autore non sa. Anna Li Vigni ha focalizzato la questione della melanconia facendola diventare protagonista del quadro – e facendo sentire questo modo, decisamente moderno, di interpretare la realtà recitando Spesso il male di vivere ho incontrato di Eugenio Montale e giustamente Fabrizio Micari evoca l’importanza dell’acqua. Andrea Sciascia poi hai segnalato delle colonne sonore moderne che dovrebbero essere accompagnate all’affresco (The end dei The Doors, Run to the jungle dei Creedence Clearwater Revival,  Gimme Shelter dei Rolling Stones)”.

La modernità come tratto caratteristico dell’opera è stato infatti il filo rosso che ha unito gli interventi. Il trionfotrionfo della morte della morte racconta il terrorismo, racconta il dramma dell’immigrazione ma racconta soprattutto l’immanenza della sua trama pittorica: “i due pittori con lo sguardo diegetico, guardando allo spettatore, dicono: «Questo racconto vi riguarda»” asserisce Anna Li Vigni. Non può sfuggire l’importanza del fatto che il trionfo della morte “racconti”. Infatti, esso evidenzia come “l’uomo è calato in un contesto narrativo. Egli è narrazione, è  storia, ma questa storia inizia con la morte. La potenza della morte dà inizio alla vita del racconto” che è la memoria.

Il libro – come nota Andrea Sciascia – “cerca di dare alle parole il peso che una pennellata di Cézanne da a una mela”. Il testo si muove vorticosamente come la trama narrativa del dipinto ma infine la sua unità è consentita dai punti di vista – dal basso e dall’alto – offerti da Scarpa che collocò nella sua attuale sede l’affresco. Si può girare senza tregua, vivere infinite vite, perdersi ma senza mai riuscire a scappare dal proprio destino, di cui in quel medesimo affanno della vita si sarà autori.

Riguardo Andrea Cannizzaro

Andrea Cannizzaro
Nato il 29 luglio 1994 a Palermo dove frequento il corso di studi in Giurisprudenza. La mia mail è andreacannizzaro94@gmail.com

Leggi anche

19074881_10211092635929228_408521584_o

“Bianco Tenebra. Giacomo Serpotta, il giorno e la notte” di Luca Scarlini

In occasione di Una Marina di Libri, Luca Scarlini presenta il suo libro dedicato a Giacomo Serpotta, edito da Sellerio. La presentazione è stata un'orazione piena di curiosità e di spunti di riflessione sulla unicità della produzione serpottiana e un invito alla comunità siciliana a promuovere la più alta tutela delle opere dello stuccatore. Con queste premesse impossibile perdere il libro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *