Home / #FLMPa / Il Mondello, un premio “migrante”
E.-Santangelo-S.-Ferlita-e-D.-Camarrone-Un-premio-migrante.-Il-Mondello-e-la-letteratura-soprannazionale-400x400

Il Mondello, un premio “migrante”

Si è svolto nell’illustre atmosfera di Palazzo Branciforte uno dei primi convegni di venerdì 9 ottobre. I protagonisti di questo intervento culturale sono statiSalvatore Ferlita (docente di letteratura contemporanea) ed Evelina Santangelo.

La scrittrice palermitana, dopo aver frequentato la scuola Holden a seguito del conseguimento degli studi accademici, iniziò a collaborare con la casa editrice Einaudi come redattrice ed editor per la narrativa italiana e inglese. Con Einaudi ha pubblicato nel 2000 la raccolta di racconti L’occhio cieco del mondo e iromanzi La lucertola color smeraldo (2003), Il giorno degli orsi volanti (2005), Senzaterra (2008), Cose da pazzi (2012) e Non va sempre così (2015).

Al centro della dissertazione, è stato il tema Un premio “migrante”. Il Mondello e la letteratura soprannazionale. Entrambi gli studiosi sono convenuti sull’importanza storica e culturale, e dunque sul prestigio del noto riconoscimento quale è appunto il premio Mondello. Spesso la vincita di tale competizione ha segnato l’esordio di scrittori famosi e premi Nobel. Fra i primi sono stati ricordati Milan Kundera, Stefano D’Arrigo, Italo Calvino, Leonardo Sciascia, Luigi Meneghello. Fra i secondi: Josif Brodskij, Doris Lessing e John Maxwell Coetzee.

Il premio Mondello rappresentò anche una svolta di non poco conto negli animi dei palermitani. Negli anni Settanta, in cui Palermo era afflitta dalle stragi mafiose, la creazione e il consolidamento di un evento internazionale di matrice culturale segnalò una svolta eversiva, significò poter pensare alla creazione di un altro mondo ed espresse una fiera opposizione alla sottocultura mafiosa tramite una scelta letteraria e colta.

Successivamente, si è affrontato anche il rapporto tra potere e scrittura, e tra la letteratura e l’esilio o l’amor di patria, tramite anche una ricca galleria fotografica.

Riguardo Miryam Lo Dato

Miryam Lo Dato
Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Palermo, specializzata in Filologia Moderna e Italianistica.

Leggi anche

Adriano Sofri racconta Kafka al Festival delle Letterature Migranti

Adriano Sofri presenta il suo ultimo libro “Una variazione di Kafka” al Festival delle Letterature Migranti. Durante la terza giornata della manifestazione Davide Camarrone, Direttore artistico dell’evento, dialoga con l’autore allo Steri, ragionando su...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *