Home / #EfeboCorto / ‘Il male minore’ al secondo posto dell’Efebo Corto Film Festival
da Torino, i secondi arrivati studenti medi
da Torino, i secondi arrivati studenti medi

‘Il male minore’ al secondo posto dell’Efebo Corto Film Festival

Giunti alla finale dell’Efebo Corto Film Festival è il momento delle premiazioni della prima sezione del concorso.

In sala non è presente il vincitore che per via di un guasto all’aereo è giunto solo alla fine, in tempo per ricevere targa, assegno e applausi.

Si aggiudica il secondo posto per la categoria ‘scuole secondarie di secondo grado’ “il male minore” cortometraggio prodotto da Ludovico Bossi del liceo classico Vittorio Alfieri di Torino.

Ludovico Bossi è il regista, Davide Machiorlatti, aiuto-regista e attore. Hanno entrambi 18 anni e sono felici della vittoria totalmente inaspettata.

«Non immaginavamo di vincere –dicono- lo abbiamo saputo per caso: mentre eravamo in lista per un altro concorso, ecco che riceviamo la notizia di esser stati selezionati da Efebo Corto».

Sono dodici tra cast e troupe e sono venuti a conoscenza del Festival attraverso la scuola: «non è la nostra prima partecipazione, ci mettiamo spesso in gioco. Io sono alla quarta esperienza -dice Ludovico- ma non abbiamo mai raggiunto un risultato del genere e ne siamo orgogliosi. Ci dispiace però essere arrivati a evento concluso e non aver assistito alla proiezione degli altri lavori».

Felici del risultato, sono convinti di proseguire nel campo cinematografico, magari ripresentandosi alla prossima edizione.

12291929_10205473767712087_2789389500947934483_o

 

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Leggi anche

foto presentazione progetto 2

Al via il Programma Speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari Minori

Nella Sala Padre Pino Puglisi del Centro di Giustizia è stato presentato, con grande attenzione dei presenti, il “Programma speciale per l’istruzione e la formazione negli Istituti Penitenziari e nei Servizi Minorili della Giustizia”, che prende a cuore il reinserimento nella società dei giovani che scontano una pena, attraverso l’istruzione e la formazione, tenendo conto dei loro contesti sociali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *